in , , ,

Via libera salvo intese, ecco cosa c’è nel decreto Agosto. Conte: «Arriviamo a interventi totali per 100 miliardi di euro»

Via libera salvo intese, ecco cosa c’è nel decreto Agosto. Conte: «Arriviamo a interventi totali per 100 miliardi di euro» thumbnail

Provenzano, fiscalità vantaggio Sud al via da 1/10 «Dobbiamo prender atto che oggi lavorare al Sud costa di più e abbiamo la necessità di mettere in campo una misura straordinaria per evitare perdita occupazione e far emergere tanto lavoro sommerso, provare a attirare nuovi investimenti. È una misura che ha un impatto significativo su 500 mila imprese, di cui il 90% con meno dieci dipendenti». Così il ministro per il Sud Peppe Provenzano in conferenza stampa dopo il via libera del Cdm al dl agosto, evidenziando come la misura per la fiscalità di vantaggio al Sud partirà «dal primo ottobre». «Abbattiamo del 10% il costo del lavoro per tutti i lavoratori, assunti non assunti e siamo intenzionati a prolungare questa misura per un tempo lungo: ci vogliamo mettere d’accordo con la commissione Europea».Bellanova, 600 mln per bonus Filiera ristoranti La ministra dell’Agricoltura Teresa Bellanova ha sottolineato come: «La ristorazione è una filiernti il decreto legge dal titolo “ Misure urgenti per il sostegno e il rilancio dea che ha pagato un prezzo altissimo con un calo di fatturato del 60%: dobbiamo sostenere questa filiera di 180mila imprese e dare una risposta all’agroalimentare» e ha poi annunciato lo stanziamento di «600 milioni a fondo perduto per dare una risposta importante a queste due filiere». Bellanova ha spiegato che «le aziende potranno scegliere tra il fondo perduto e la misura di Franceschini sui centri storici delle città turistiche».Terza manovra anti crisiL’ossatura del provvedimento approvato vede il rinnovo della cassa integrazione e la proroga del blocco dei licenziamenti, circa 5 miliardi di fondi per enti locali e un miliardo per la scuola, la fiscalità di vantaggio per il Sud. E poi ancora rinvio delle tasse per gli autonomi. Niente Imu per le strutture turistiche, compresi cinema e discoteche, nuovi contributi a fondo perduto per le attività commerciali nelle città d’arte, risorse triplicate per il bonus babysitter per medici e infermieri. Il puzzle si completa, dopo lunghe trattative, spesso in salita, con tempi più lunghi per saldare le tassee sospese in pieno lockdown.Cambia norma tasse sospese, 50% in 24 rate, la prima entro 16 gennaioNell’ultimissima versione della testo è cambiata la norma per rateizzare il pagamento delle imposte sospese nei mesi di marzo, aprile e maggio. La rateizzazione in due anni riguarda solo il 50% dell’imposta. I versamenti possono essere effettuati, senza applicazione di sanzioni e interessi, per un importo pari al 50% delle somme sospese, in un’unica soluzione entro il 16 settembre o mediante rateizzazione, fino a quattro rate mensili di pari importo, con il versamento della prima rata entro il 16 settembre. Il restante 50%, senza sanzioni e interessi, potrà essere rateizzato, fino a un massimo di 24 rate mensili di pari importo, con il versamento della prima rata entro il 16 gennaio 2021.Nel nuovo testo, ci sono diversi altri ritocchi, dall’aumento del fondo per il piano cashless, (da 1,5 a 1,75 miliardi), alla newco per Alitalia che avrà a disposizione 20 milioni anziché 10, mentre salta la previsione della liquidazione della stessa newco in caso di bocciatura del nuovo piano industriale da parte di Bruxelles. Cambia anche il bonus taxi che potrà essere utilizzato anche “dalle famiglie più bisognose”, con dote che sale ancora, a 35 milioni.

What do you think?

193 points
Upvote Downvote

Written by admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lavori in casa, superbonus 110% vicino al traguardo: firmati i decreti sui requisiti tecnici thumbnail

Lavori in casa, superbonus 110% vicino al traguardo: firmati i decreti sui requisiti tecnici

Unipol, l’allarme di Cimbri: «Costretti a vendere titoli di Stato italiani» thumbnail

Unipol, l’allarme di Cimbri: «Costretti a vendere titoli di Stato italiani»