in

Speranza: «No all’allentamento delle misure sui treni». Restano distanziamento e mascherine


Nuova ordinanza

Nessuna deroga sulla distanza di un metro e l’uso della mascherina. Insieme al lavaggio delle mani sono fondamentali nella lotta al coronavirus

di N.Co.

default onloading pic
Il ministro della Salute, Roberto Speranza (Ansa/Ciro Fusco)

Nessuna deroga sulla distanza di un metro e l’uso della mascherina. Insieme al lavaggio delle mani sono fondamentali nella lotta al coronavirus

3′ di lettura

«È giusto che sui treni restino in vigore le regole di sicurezza applicate finora. Non possiamo permetterci di abbassare il livello di attenzione e cautela. Per questo ho firmato una nuova ordinanza che ribadisce che in tutti i luoghi chiusi aperti al pubblico, compresi i mezzi di trasporto, è e resta obbligatorio sia il distanziamento di almeno un metro che l’obbligo delle mascherine». L’annuncio arriva dal ministro della Salute Roberto Speranza.

Ribadita l’importanza del lavaggio delle mani

«Questi sono i due principi essenziali che, assieme al lavaggio frequente delle mani, dobbiamo conservare nella fase di convivenza con il virus».

No alla deroga concessa dal ministero dei Trasporti

No, dunque, del ministro della Salute alla deroga concessa il 31 luglio dal ministero dei Trasporti. Il dicastero con una nota aveva indicato « alcune modifiche all’organizzazione del trasporto ferroviario a lunga percorrenza». In particolare secondo la nota era «consentito derogare al distanziamento interpersonale di un metro, a bordo dei treni a lunga percorrenza» in determinati casi. Restava esclusa la possibilità di utilizzare i sedili contrapposti, quelli per intendersi “faccia a faccia” «nel caso in cui non sia possibile garantire permanentemente la distanza interpersonale di almeno un metro, ferma restando la possibilità di derogare a tale regola qualora i passeggeri siano conviventi nella stessa unità abitativa».

Preoccupazione del Comitato tecnico scientifico

La decisione di far viaggiare sul 100% dei posti sui i treni a lunga percorrenza Frecciargento e Frecciarossa di Trenitalia e i treni Italo aveva causato «molta preoccupazione» nel Comitato tecnico scientifico perché, sottolineano fonti dell’organismo governativo, è stata presa «senza aver ricevuto il parere del Comitato». Secondo quanto fatto trapelare, nella mattinata di giovedì è stato inviata dal ministero delle Infrastrutture una richiesta di valutazione del nuovo piano dei treni ad alta velocità ma nella riunione che si è tenuta nel pomeriggio non se ne è parlato. Era stata espressa una «decisa contrarietà» alla scelta fatta.

Sui treni prudenza fra i passeggeri

E già stamattina i passeggeri delle lunghe percorrenze erano partiti senza distanziamento. Sui treni in partenza fra i passeggeri si è registrata comunque voglia di vacanza, ma anche prudenza. Dalla stazione di Torino Porta Nuova verso il Sud era il primo giorno senza distanziamento sociale sui treni ad Alta Velocità Frecciarossa e Italo. Uniche raccomandazioni la misurazione della temperatura prima di salire, l’obbligo della mascherina e l’autocertificazione in cui si dichiara di non aver contratto il virus. «Non sono affatto preoccupata ho piena fiducia», dice una passeggera al binario 17, in partenza con il Frecciarossa delle 13 per Salerno. I viaggiatori si sono fatti misurare la temperatura e sono saliti sul treno, con ordine, ma senza particolari code. «Continuerò ad essere prudente – ha dichiarato un giovane iniziando le vacanze estive con alcuni amici -. Se hanno deciso di annullare le distanza a bordo sono sicuro di quello che fanno». Un padre con famiglia al seguito ha ricordato che «in treno si corrono gli stessi rischi che ci possono essere su un mezzo pubblico a Torino, dove il distanziamento non viene praticamente mai rispettato». Anzi, ha detto, «almeno qui ci controllano la temperatura».

Escorte galati

Rizolvere problemini di eiaculazione

What do you think?

193 points
Upvote Downvote

Written by admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Saldi al via in tutta Italia. Budget ridotto, scarpe e magliette i prodotti più ricercati

Coronavirus, ultime notizie: in Italia 295 nuovi casi e 5 decessi