in

Speranza, 17 milioni dosi vaccino influenza a Regioni

Speranza, 17 milioni dosi vaccino influenza a Regioni thumbnail

“Sul vaccini anti Covid stiamo investendo il più che possiamo e penso che le energie che si stanno mettendo in campo porteranno presto a risultati incoraggianti, io sono ottimista. Abbiamo un contratto con AstraZeneca, che produce il cosiddetto candidato vaccino Oxford il cui vettore virale è fatto a Pomezia e che verrà infialato ad Anagni, e se dovesse andar bene le prime dosi ci saranno consegnate già alla fine dell’anno”. Lo ha affermato il ministro della Salute, Roberto Speranza, alla Festa del Fatto Quotidiano.”Penso che le risorse siano fondamentali e abbiamo bisogno di prenderle con tutto il coraggio di cui c’è bisogno: io le chiedo per il Recovery Fund e non ho paura a chiederle per il Mes e non ho paura a chiederle per il bilancio dello Stato e il debito pubblico. Per me da dovunque vengono i soldi, se sono spesi per la salute e per il nostro Servizio sanitario nazionale è una spesa giusta. Quindi dobbiamo muoverci in questa direzione” . Lo ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza alla Festa del Fatto Quotidiano. “Dobbiamo fare una riforma, perchè le risorse da sole non bastano, ma possiamo fare una riforma in una fase espansiva e non è mai avvenuto prima. Ora abbiamo la clamorosa opportunità di fare una riforma in una fase in cui abbiamo più risorse”, ha aggiunto.    

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Leggi tutto

What do you think?

193 points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Berlusconi, il nuovo bollettino: ''E' una fase molto delicata'' thumbnail

Berlusconi, il nuovo bollettino: ”E’ una fase molto delicata”

Roberto Speranza insulta Matteo Salvini: "Sei un leader piccolo", la replica alla lettera sul "piano segreto" per l'emergenza coronavirus thumbnail

Roberto Speranza insulta Matteo Salvini: “Sei un leader piccolo”, la replica alla lettera sul “piano segreto” per l'emergenza coronavirus