in

Musica e teatro contingentati: così si salva l’estate culturale



LO SPETTACOLO DAL VIVO

Da Verona a Taormina, i Festival hanno dovuto decidere un taglio drastico dei posti. Cartelloni ripensati a misura di Covid-19 con calendari più snelli e allestimenti contenuti

di Marta Casadei e Flavia Landolfi

Gabriele Lavia: il teatro è ferito ma non morirà

Da Verona a Taormina, i Festival hanno dovuto decidere un taglio drastico dei posti. Cartelloni ripensati a misura di Covid-19 con calendari più snelli e allestimenti contenuti

4′ di lettura

Posti a sedere ridotti all’osso e calendari in versione più snella. Il Covid-19 ha messo a dura prova le manifestazioni culturali estive che riempiono i teatri (e non solo) da Nord a Sud. Realtà storiche che attraggono spettatori da tutto il mondo e che hanno dovuto fare i conti con le nuove regole sanitarie e con i flussi turistici al lumicino. Ma che, nonostante tutto, hanno scelto di non saltare la stagione 2020 e di ripartire subito sfidando crisi e pandemia.

Arena di Verona
Apre le porte il 25 luglio con il Festival d’Estate 2020: undici spettacoli, tra cui una serata (il 31 luglio) che con il Requiem di Mozart sarà un omaggio alle vittime della pandemia. Il ridimensionamento della capienza dell’Arena di Verona è importante: dei 13.756 posti del Festival lirico, quest’anno «l’anfiteatro ne potrà ospitare fino a un massimo di 3.136 posti, di cui 1.704 in coppia per persone tra loro conviventi», spiegano gli organizzatori.

La contrazione ha richiesto una variazione del budget 2020 che, comunque, nelle previsioni porterà nelle casse un piccolo utile, oltre al sostegno pubblico e privato di 20,4 milioni di euro. Completamente rivista la scena con palco centrale e pubblico distribuito sulle gradinate. Uno sforzo notevole che però non ha scoraggiato gli organizzatori: «Dobbiamo dirci soddisfatti di una stagione che fa di un limite un’opportunità e ci dà la possibilità di sperimentare, portare titoli rari, affrontarli con creatività e senza paure», ha detto la sovrintendente e direttrice artistica Cecilia Gasdia.

Gli altri Festival
C’è poi la 63a edizione del Festival dei Due Mondi di Spoleto che si svolgerà tra Piazza Duomo e il Teatro Romano dal 20 al 23 e dal 27 al 30 agosto con 8 spettacoli. L’organizzazione ha dovuto fare i conti, anche qui, con un ridimensionamento importante di posti e biglietti. La capienza massima sarà di circa 800 posti per Piazza Duomo, contro i 2.500 delle precedenti edizioni, e di circa 500 posti per il Teatro Romano rispetto ai consueti 1.300. Un taglio che si ripercuoterà sulle casse della manifestazione, che comunque gode del sostegno pubblico. «La diminuzione delle capienze si riflette in una flessione degli incassi da vendita dei biglietti, stimata in circa 800mila euro – spiega il direttore del Festival, Giorgio Ferrara -. A questa si aggiunge la flessione dei ricavi da sponsorizzazione e dei contributi da privati, anche tramite Art bonus, per circa 700mila euro».

Il Festival Pucciniano – che si tiene a Torre del Lago, in Toscana – è iniziato sabato con un calendario completamente ripensato, 2.400 posti in meno nel teatro e una nuova location “sperimentale” da 500 posti a Viareggio. «Abbiamo scelto di partire comunque perché il Festival è un pilastro del turismo culturale della zona, con un indotto importante, e poi perchè diamo lavoro a 350 persone», dice il direttore generale Franco Moretti. Il Festival Pucciniano attrae soprattutto spettatori dall’estero – «molti tedeschi e inglesi, ma anche giapponesi» – e il restyling del calendario è pensato anche in risposta alle defezioni (che saranno rimborsate con un voucher biennale). Un cambiamento importante riguarda i prezzi: «Li abbiamo ribassati del 50%: si potrà vedere l’opera con 25 euro, ma ci saranno spettacoli accessibili pagando 10 euro».

Escorte galati

Rizolvere problemini di eiaculazione

What do you think?

193 points
Upvote Downvote

Written by admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Tav, così la Torino-Lione che non piace agli ambientalisti ha salvato la farfalla rara

Voucher anziché rimborsi per i voli cancellati: il governo contro l’Ue