in

L’inchiesta sulla zona rossa e la ricostruzione delle due notti che hanno cambiato la Val Seriana



Le due notti cruciali

Dopo la scoperta del «paziente 1» di Codogno, nel lodigiano, appaiono due casi di coronavirus nel pronto soccorso di Alzano. Era il 22 febbraio, e il responsabile della struttura, che dipende dall’ospedale di Seriate, chiede che venga chiusa ai visitatori e agli altri eventuali pazienti. La richiesta viene girata alla Asst di Bergamo Est, la struttura sociosanitaria che organizza il territorio.

Da qui il dg passa la palla alla Regione Lombardia, la cui struttura tecnica sanitaria è guidata da Luigi Cajazzo, il manager a breve in uscita dopo la decisione dei vertici di Palazzo Lombardia di modificare l’organizzazione e chiamare nuovi nomi (verrà sostituito dal 18 giugno da Marco Trivelli, già in Regione durante l’era di Formigoni). Dall’ufficio di Cajazzo parte l’ordine di lasciare aperto l’ospedale di Alzano. L’assessore al Welfare Giulio Gallera, già ascoltato dalla Procura di Bergamo, ha spiegato il perché: «ci avevano dato rassicurazioni sulle sanificazioni».

I casi continueranno a crescere i giorni a seguire. Non viene chiesta la zona rossa per molti giorni, anche perché questa è un’area altamente produttiva, con molte aziende e moltissimi occupati. Ma tra il 26 febbraio e il primo marzo la crescita è davvero preoccupante. A inizio marzo la Regione Lombardia non vuole assumersi la responsabilità di una chiusura. E questo lo spiega ai pm anche il governatore Attilio Fontana, ascoltato anche lui come persona informata dei fatti: «Non spetta a noi la zona rossa».

Dal 3 marzo la Regione chiede ufficiosamente, presentando i dati del suo Comitato tecnico scientifico, all’Istituto superiore della sanità e al governo. Ogni giorni sembra quello buono da quel momento, tutti si aspettano l’intervento governativo e la notte tra il 5 e il 6 marzo i militari si posizionano nei confini di Alzano e Nembro, i due paesi più colpiti, che insieme contano circa 25mila abitanti, e nel cui territorio ci sono i capannoni di molte aziende.

Escorte galati

Rizolvere problemini di eiaculazione

What do you think?

193 points
Upvote Downvote

Written by admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Provaci ancora Emanuele Filiberto di Savoia, passato in politica da un flop all’altro

La crisi gela i laureati: occupazione giù del 9% rispetto al 2019