in

Liberazione, lo spirito che manca in questo 25 aprile



Per il 25 aprile il jazz italiano canta “Bella ciao” (a distanza)

3′ di lettura

C’è 25 aprile e 25 aprile. Quello del 2020 è del tutto particolare, nel Paese dove la metafora della guerra ha dilagato di pari passo al coronavirus. Ricordiamo insieme la fine della seconda guerra mondiale nel 1945 e le decine di migliaia di morti di queste settimane. E allo stesso tempo, nelle stesse ore, mettiamo fuori il naso dalla chiusura per quarantena cogliendo il profumo della ripartenza agognata, pur tra l’indispensabile cautela e tante incertezze.

Il richiamo di Mattarella
Un’altra e diversa Liberazione. Ma con quale spirito? A cominciare dal Presidente Sergio Mattarella il richiamo a quello del 1945 e alla successiva Ricostruzione è stato forte. L’Italia unita e coesa che si è rimboccata le maniche e ha saputo abbattere un passato di macerie e ostacoli. Gli anni del Piano Marshall e poi quelli che hanno portato alla stagione del Miracolo. Classi dirigenti lungimiranti e gente con la voglia di ricominciare e di crescere. Tutti alleati, in fondo, nel remare sulla stessa barca.

Opinioni divergenti
Difficile dire, oggi, se lo spirito sia lo stesso. Ad esempio, due «grandi vecchi» del Novecento industriale e culturale italiano la pensano molto diversamente. Fabiano Fabiani, giornalista e manager d’industria, si dice fiducioso a motivo della compatta «disciplina dei concittadini dimostrata durante la quarantena». In questo rivede lo spirito del Dopoguerra e un buon viatico per la ripresa (Corriere della Sera, 24 aprile). Giuseppe De Rita, fondatore del Censis, sostiene che servirebbe uno scatto come allora ma è pessimista. Negli italiani vede oggi «una stanchezza che viene da lontano a causa di una élite al potere che li ha invitati a non crescere troppo». Il Paese sta cambiando, sì, ma all’insegna della «sovvenzione ad personam» e di una «statalizzazione dell’economia sussidiata» (La Repubblica e il Foglio).

Leggi anche / Una Liberazione da reclusi

Patto di stabilità sospeso
Che siano saltati gli schemi e che si debba reagire in modo coerente rispetto alla realtà che si è venuta a creare è un fatto. Lo ha detto subito un protagonista del cambiamento come l’ex presidente della BCE Mario Draghi, un visionario pragmatico che salvò l’euro nel 2012. Del resto, basta pensare che il Patto di stabilità europeo è stato sospeso: lavori in corso sulla strada della ripresa per diluvio recessivo da coronavirus. Inimmaginabile, solo tre mesi fa.

Escorte galati

Rizolvere problemini di eiaculazione

What do you think?

5399 points
Upvote Downvote

Written by admin

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

«La banca dati antimafia per scovare le richieste illecite di accesso al credito»

Starace (task force Colao): «Lo stress test Covid occasione di ripartenza»