in

Lampedusa, Conte e le risposte tardive

Lampedusa, Conte e le risposte tardive thumbnail

Il governo e le risposte a Lampedusa. Un po’ in ritardo.

Scusi, Presidente Conte, con tutto il rispetto, che bisogno c’era di aspettare?

Ieri, nell’ormai famoso vertice romano con il presidente Musumeci e il sindaco Martello, il governo si è impegnato con una forza che prima non aveva mostrato sulle persone migranti, un’emergenza soprattutto in epoca di Coronavirus. Sì, ‘persone’, prima che migranti: elemento centrale che si tende, talvolta, a sottovalutare.

Le sue parole, Presidente, sono state chiarissime, sempre aspettando la conferma dei fatti. Citiamo appena un estratto: “Lampedusa merita misure economiche di favore, con specifico riguardo a sospensione di adempimenti e versamenti, anche arretrati. La sofferenza economica, e non solo, merita una risposta forte dello Stato. Sul fronte della gestione interna, invece, tra giovedì e venerdì arriveranno due navi di grandi dimensioni e contiamo così di svuotare Lampedusa. Siamo pronti a rafforzare la sorveglianza sanitaria dei migranti per garantire la massima sicurezza della popolazione”.

E non si poteva fare prima? La promessa di svuotamento dell’hotspot ormai al collasso e di una maggiore attenzione non poteva essere formulata in tempo utile, evitando le polemiche, una ordinanza rabberciata e la sgradevole impressione di una prova di forza tra istituzioni?

Se il governo, insomma, era pronto a tendere la mano, perché si è perso del tempo prezioso?

Un suggerimento, forse utile: la prossima volta si operi celermente, non nascondendo sotto il tappeto un problema che è evidentissimo a prescindere dalle reciproche propagande.

La strada necessaria per affrontarlo, infatti, è la collaborazione tra le istituzioni. Sempre che si voglia davvero collaborare.

LEGGI ANCHE: SETTE DOMANDE AL GOVERNO

Leggi tutto

What do you think?

193 points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Festini con coca e minorenni, gli incontri ripresi col telefonino thumbnail

Festini con coca e minorenni, gli incontri ripresi col telefonino

Tragedia sul lavoro a Cavallermaggiore. Intossicati dal mangime, cadono in un silos: uno muore a 22 anni, il fratello è grave in ospedale thumbnail

Tragedia sul lavoro a Cavallermaggiore. Intossicati dal mangime, cadono in un silos: uno muore a 22 anni, il fratello è grave in ospedale