in

La protesta social: fuori i nomi dei deputati che hanno chiesto il bonus partite Iva


inps

L’Istituto di previdenza ha fatto sapere che 5 deputati hanno chiesto e ottenuto l’aiuto da 600 euro. Ronzulli: «Chiedano scusa e restituiscano i soldi»

default onloading pic

L’Istituto di previdenza ha fatto sapere che 5 deputati hanno chiesto e ottenuto l’aiuto da 600 euro. Ronzulli: «Chiedano scusa e restituiscano i soldi»

2′ di lettura

Cinque deputati hanno chiesto – e ottenuto – il bonus da 600 euro mensili poi elevato a 1.000 previsto dai decreti Cura Italia e Rilancio per sostenere il reddito di autonomi e partite Iva: la segnalazione arriva dalla direzione centrale Antifrode, Anticorruzione e Trasparenza dell’Inps. A norma di legge, tutti i possessori di partita Iva, liberi professionisti e co.co.co, oltre ad alcune categorie di autonomi, avevano diritto di accedere all’indennità introdotta durante il lockdown dovuto al coronavirus.

Né l’Inps né il quotidiano Repubblica che ha dato la notizia fanno i nomi dei cinque “furbetti” ma sui social c’è già chi chiede al presidente della Camera Roberto Fico di rendere note le identità dei deputati. Sempre attraverso i social network si è diffusa la notizia che tra i “vip” che hanno chiesto il bonus ci sarebbe anche un noto presentatore televisivo.

«Se confermato che cinque parlamentari hanno chiesto il bonus per le partite Iva in difficoltà, questo sarebbe semplicemente uno scandalo», ha affermato in una nota la vicepresidente del gruppo Forza Italia al Senato, Licia Ronzulli. «È inaccettabile – aggiunge – che mentre le famiglie non sapevano come fare la spesa e molte attività chiudevano, qualcuno, con lo stipendio garantito, senza avere accusato perdite, abbia pensato di approfittarsi dell’emergenza Covid togliendo soldi a chi ne aveva realmente diritto e, soprattutto, bisogno». Ronzulli chiede «un sussulto di dignità: i deputati di cui parla l’Inps chiedano scusa e, se li hanno presi, restituiscano immediatamente i soldi».

Anche il deputato di Forza Italia e portavoce dei gruppi azzurri di Camera e Senato, Giorgio Mulé, ha espresso perplessità sulla vicenda: «Molti di noi, nei mesi dell’emergenza e non solo, hanno destinato in tutto o in parte l’indennità di parlamentare in favore di chi era in difficoltà o lottava in prima linea. Accanto a noi c’era invece qualcuno che senza alcun rispetto ha intascato il bonus. Per dissipare qualsiasi dubbio sarebbe il caso che chi ha usufruito del bonus esca volontariamente allo scoperto».

Escorte galati

Rizolvere problemini di eiaculazione

What do you think?

193 points
Upvote Downvote

Written by admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Introducing Rome thumbnail

Introducing Rome

Coronavirus, i numeri di oggi: 347 contagi e 13 morti in più rispetto a ieri. Superati i 250.000 casi totali