in

In Emilia per la prima volta il Tribunale “salva” un’impresa sospetta di mafia


misure di prevenzione

Scatta la misura del controllo giudiziario: l’attività aziendale non si interrompe ma i delegati del giudice faranno controlli continui. Così si tutela l’occupazione.

di Marco Ludovico

default onloading pic
(imagoeconomica)

Scatta la misura del controllo giudiziario: l’attività aziendale non si interrompe ma i delegati del giudice faranno controlli continui. Così si tutela l’occupazione.

4′ di lettura

Le ragioni della continuità d’impresa possono prevalere. A patto di rispettare tutte le garanzie dovute di legge. Eppure i tratti di sospetto mafioso sono molti, moltissimi. Cosa nostra e ’ndrangheta risaltano in un intreccio consolidato. Ma non ci sono reati: si valuta così la “pericolosità sociale” del contesto. Non è tema di indagine penale ma di misure di prevenzione. Alla fine il tribunale di Reggio Emilia ha accolto la proposta congiunta del questore e della procura della repubblica – la prima del genere in Italia – sulla Lg Costruzioni srl, azienda in attività da dieci anni. Niente sequestro nè amministrazione giudiziaria ma il “controllo giudiziario” per un anno, misura più soft. L’impresa non chiude. L’occupazione è tutelata.

Storie di Cosa nostra in Emilia

La vicenda va raccontata fin dall’inizio: rivela come la dimensione mafiosa può spuntare all’improvviso, più o meno camuffata o ripulita. Tutto nasce dalla richiesta di rinnovo dell’iscrizione nelle cosiddette white list della prefettura di Reggio Emilia avanzata dalla Lg costruzioni. L’istruttoria dell’ufficio territoriale del Viminale accerta come la società sia riconducibile a una famiglia mafiosa più che famosa: i cugini Salvo, Ignazio e Nino, capicosca di Salemi in provincia di Trapani e schierati con Totò Riina. Ignazio, si ricorderà, venne ucciso in un agguato da Leoluca Bagarella, Antonino Gioè e Giovanni Brusca nel 1992. La vedova Giuseppa Puma e i figli Luigi e Maria si trasferiscono tra il 2000 e il 2011 ad Albinea (RE). La prefettura emiliana scopre come Lg Costruzioni sia per l’83% di Giuseppa e per il 17% di Luigi. Maria non ha quote ma è vicepresidente della società.

Il focus sui soci della Lg costruzioni

In dodici pagine del provvedimento emesso dal Tribunale c’è il racconto di anni e anni di compravendite e movimentazioni finanziarie, societarie e immobiliari di Giuseppa, Luigi e Maria. Quando la prefettura si accorge del quadro emerso passa il dossier per le verifiche più approfondite alla divisione anticrimine della questura di Reggio Emilia. Emerge tra l’altro come Lg costruzioni faccia ristrutturazioni di alta qualità immobiliare come si vede anche dal loro sito. Dai sopralluoghi risulta come i dipendenti diretti siano pochi ma le ditte in subappalto numerose. Con una caratteristica ripetuta e non proprio trascurabile: la contiguità di Lg costruzioni, così come accertato dalla Guardia di Finanza – ma ci sono anche molti riferimenti svolti dall’Arma dei Carabinieri – «nell’ambiente ’ndranghetista». Scontato il rigetto della prefettura alla richiesta di rinnovo di iscrizione nelle white list. L’11 giugno scorso la società lo ha impugnato davanti al Tar.

Il rischio di “impresa illegale”

La questura così affronta il tema della pericolosità sociale dell’impresa. In tandem con la procura della Repubblica: scatta il meccanismo della “proposta congiunta” già attivato più volte negli ultimi tempi d’intesa con il supporto investigativo dello Sca, il servizio centrale anticrimine diretto da Giuseppe Linares. Lo Sca fa parte della Dac, la direzione centrale anticrimine al comando di Francesco Messina presso il dipartimento di Pubblica sicurezza guidato dal prefetto Franco Gabrielli.I legami con Cosa nostra e con la cosca ’ndranghetista Grande Aracri, già sottoposta al processo Aemilia, sono evidenti. Ma alla fine la Lg costruzioni «è un’impresa in bonis” sottolinea il Tribunale sulle risultanze di prefettura, questura e procura. Resta tuttavia un imperativo categorico: «Arginare le infiltrazioni mafiose nelle attività economiche». Associato, però, al fine di «salvaguardare la continuità dell’attività produttiva».

La difesa della società sotto accusa

La Lg costruzioni nel contraddittorio davanti al Tribunale sfodera carte e argomenti di rilievo. Presenta il 28 aprile scorso un “piano d’azione per l’introduzione di misure di prevenzione contro le infiltrazioni mafiose nell’organizzazione aziendale” elaborato da un gruppo di lavoro composto da ricercatori della Crime & Tech srl, spin off dell’università Cattolica di Milano, e del Dems, dipartimento di scienze politiche e relazioni internazionali dell’università di Palermo. Alla fine il Tribunale esclude il ricorso alle misure cosiddette ablatorie, sequestro e poi confisca. E sceglie, tra quelle meno invasive – amministrazione giudiziaria e controllo giudiziario – la seconda. Quella più soft.

Escorte galati

Rizolvere problemini di eiaculazione

What do you think?

193 points
Upvote Downvote

Written by admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scuola: dai banchi alle cattedre vuote, tutti i numeri della riapertura

Le due ruote consolano dai flop Ferrari. E la Juve ora punta al “decimo”: e la Champions?