in

I fondi pensione innestano il recupero, ma i rendimenti restano negativi


trimestrale covip

Dopo la batosta Covid-19 del primo trimestre, al netto dei costi di gestione e della fiscalità, ora per i fondi negoziali la perdita è del 1,1%; del 2,3 e del 6,5, rispettivamente, per i fondi aperti e i Pip di ramo III, caratterizzati in media da una maggiore esposizione azionaria

di Davide Colombo

default onloading pic

Dopo la batosta Covid-19 del primo trimestre, al netto dei costi di gestione e della fiscalità, ora per i fondi negoziali la perdita è del 1,1%; del 2,3 e del 6,5, rispettivamente, per i fondi aperti e i Pip di ramo III, caratterizzati in media da una maggiore esposizione azionaria

2′ di lettura

ROMA – I mercati in ripresa nel secondo trimestre hanno regalato un recupero ai rendimenti dei fondi pensione che, tuttavia, non è bastato a cancellare il segno meno rispetto ai livelli di fine 2019. Dopo la batosta Covid-19 del primo trimestre, al netto dei costi di gestione e della fiscalità, ora per i fondi negoziali la perdita è del 1,1%; del 2,3 e del 6,5, rispettivamente, per i fondi aperti e i Pip di ramo III, caratterizzati in media da una maggiore esposizione azionaria. Per le gestioni separate di ramo I, che contabilizzano le attività a costo storico e non a valori di mercato e i cui rendimenti dipendono in larga parte dalle cedole incassate sui titoli detenuti, il risultato è stato pari allo 0,7 per cento.

Sempre meglio del Tfr

I nuovi dati sono stati diffusi dall’Autorità di vigilanza del comparto, la Covip, che al consueto invita a valutare i rendimenti su orizzonti più propri del risparmio previdenziale. Da inizio 2010 a fine 2019, il rendimento medio annuo composto è stato pari al 3,6% per i fondi negoziali, al 3,8% per i fondi aperti e per i Pip di ramo III, e al 2,6% per le gestioni di ramo I. Aggiungendo ai dieci anni gli ultimi sei mesi, i rendimenti medi annui composti scendono al 3,3% per i fondi negoziali, al 3,4% per i fondi aperti e al 3 per i Pip di ramo III. Restano invece al 2,5 per cento i prodotti di ramo I. Per entrambi i periodi, la rivalutazione del Tfr è risultata pari al 2% annuo.

Contributi in calo

Nei primi sei mesi l’effetto della crisi s’è fatto sentire anche sui contributi versati. I flussi sono stati pari a 5,449 miliardi, inferiori a quelli del primo semestre del 2019 (-0,4%). Per quanto riguarda i fondi negoziali e i fondi aperti, i contributi sono cresciuti a un tasso molto inferiore rispetto al primo semestre 2019 e al primo semestre del 2018. Nei PIP “nuovi” i contributi, rispetto al corrispondente periodo del 2019, sono calati anche in termini assoluti (-4,3%).

Centocinquemila nuovi iscritti

Alla fine di giugno le posizioni aperte sulle diverse forme complementari erano 9,223 milioni, in crescita di 105mila unità rispetto alla fine del 2019 (+1,2%). Anche su questo fronte l’emergenza sanitaria s’è fatta sentire: l’incremento è inferiore a quelli del passato e nullo nel secondo trimestre. Il totale degli iscritti, che include anche chi aderisce contemporaneamente a più forme, è ora stimato in 8,340 milioni di individui.

Continua a cresce il fondo edili

I fondi negoziali hanno registrato circa 59.000 posizioni in più (1,9 per cento), portandone il totale a fine giugno a 3,219 milioni. Ma è stato il fondo destinato ai lavoratori del settore edile, per il quale opera l’adesione contrattuale, a registrare il maggior incremento (26.400 unità); segue il fondo rivolto ai dipendenti pubblici (11.500 unità in più), ancora caratterizzato da un numero di adesioni contenuto rispetto alla platea potenziale. Nelle forme pensionistiche di mercato, i fondi aperti contano 1,571 milioni di posizioni, crescendo di circa 20.000 unità (1,3 per cento) rispetto alla fine del 2019. Per i PIP “nuovi” il totale delle posizioni è di 3,444 milioni, in aumento nel semestre di circa 25.000 unità (0,7 per cento).

Escorte galati

Rizolvere problemini di eiaculazione

What do you think?

193 points
Upvote Downvote

Written by admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sanificazione straordinaria in condominio: i costi si dividono tra tutti anche se dipendono da pochi

L’isola di Gallinara venduta a un magnate ucraino per 10 milioni