in

Firenze, maxi-operazione antidroga: “Colpito il cartello albanese leader nel traffico”

Firenze, maxi-operazione antidroga: “Colpito il cartello albanese leader nel traffico” thumbnail

L’operazione Los Blancos ha colpito il principale cartello del traffico in mano alla criminalità organizzata del Paese balcanico. Ritrovati anche milioni di euro

di F. Q. | 17 Settembre 2020

Ore 19 – iscriviti alla newsletter e
ricevi gli ultimi aggiornamenti nella tua casella.

Decine di arresti, tonnellate di cocaina e milioni di euro sequestrati. È il risultato della maxi-operazione antidroga denominata Los Blancos della polizia che, spiegano in una nota, ha colpito “il cartello criminale considerato leader dei gruppi albanesi specializzati nel traffico di droga in ambito continentale”.
L’indagine, spiegano nel documento, è stata condotta nell’ambito di un “Joint Investigation Team costituito dal Servizio centrale operativo della Direzione centrale anticrimine, dalla squadra mobile di Firenze, dalla Finec olandese e dalla Direzione centrale per i servizi antidroga, con il coordinamento di Eurojust ed Europol, della Direzione nazionale antimafia e antiterrorismo e della Direzione centrale della polizia criminale”.
Maggiori particolari sull’operazione di polizia, coordinata dalla procura di Firenze e che ha interessato il capoluogo toscano ed altre città italiane, oltre a numerosi Paesi esteri, saranno forniti alle 11, quando si terrà una conferenza stampa nell’aula bunker di Firenze. Tra i presenti il vicepresidente di Eurojust, Filippo Spiezia, il procuratore nazionale antimafia, Federico Cafiero De Raho, il procuratore di Firenze, Giuseppe Creazzo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro,
svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi
di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi,
interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico.
La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati.
Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci.
Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana,
fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie
Peter Gomez

GRAZIE PER AVER GIÀ LETTO XX ARTICOLI QUESTO MESE.
Ora però siamo noi ad aver bisogno di te.
Perché il nostro lavoro ha un costo.
Noi siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti ogni giorno.
Ma la pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre ricavi limitati.
Non in linea con il boom accessi a ilfattoquotidiano.it.
Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana.
Una piccola somma ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano! Diventa utente sostenitore!
Con riconoscenza
Peter Gomez

Articolo Precedente
Bergoglio ai genitori con figli Lgbt: “Il Papa li ama come sono perché sono figli di Dio”

Articolo Successivo
Arrestata Dana Lauriola: la portavoce del movimento No Tav deve scontare una condanna a due anni

Leggi tutto

What do you think?

193 points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Le prime pagine di oggi thumbnail

Le prime pagine di oggi

Arrestata Dana Lauriola, la polizia la preleva all’alba. La portavoce del movimento No Tav deve… thumbnail

Arrestata Dana Lauriola, la polizia la preleva all’alba. La portavoce del movimento No Tav deve…