in

Fase due emergenza coronavirus, scontro tra Regioni. Zaia (Veneto): «Chiusura confini è Sud contro Nord»



LA FINE DEL LOCKDOWN

Scontro sulle Rsa. Il governatore della Lombardia Fontana: «Il Lazio ha adottato una delibera simile alla nostra». La replica: «Non mistifichi»

Coronavirus: la babele delle task force

3′ di lettura

Ancora polemiche tra Governo e Regioni e tra regioni del Nord e regioni del Sud sulla fase due, ovvero la riapertura dopo la fine del lockdown, ad oggi prevista per il 3 maggio. Nella maggioranza il leader politico M5s Vito Crimi delinea l’ipotesi di un commissariamento della Lombardia, per «le troppe cose che non hanno funzionato».

Sull’altro filone, dopo la minaccia del presidente della Giunta regionale della Campania Vincenzo De Luca (ma sulla stessa linea sono Calabria e Sicilia) di chiudere i confini della regione nel timore di una nuova ondata di contagi che potrebbe scaturire dalla riapertura delle attività produttive al Nord il presidente del Veneto commenta: «Se alcuni presidenti chiudono i confini regionali allora fanno loro l’autonomia, non è Nord contro Sud, è Sud contro Nord». Intanto sulle Rsa va in scena uno scambio di accuse tra Lombardia e Lazio.

Rsa, Fontana attacca. Il Lazio: «Non mistifichi»
Il presidente della Lombardia Attilio Fontana, al centro delle polemiche per i decessi avvenuti nelle Residenze sanitarie assistenziali per anziani, va al contrattacco e mette sotto la lente la Regione Lazio, gestita dal segretario del Pd Nicola Zingaretti. «Una delibera simile a quella della Lombardia sulle Rsa – dice a Radio Padania il governatore lombardo, leghista – «era stata presa dal Lazio. Ma al governatore del Lazio non è stato fatto alcun tipo di contestazione». Secondo Fontana, dunque, «si cerca di attaccare l’organizzazione lombarda. C’è un attacco nel confronto mio in quanto rappresentante di una certa parte politica. Si sta facendo quel fuoco incrociato – aggiunge – che è sempre stato fatto quando al governo c’era un rappresentante del centrodestra. Qui al governo c’è un rappresentante non del centrodestra, ma in Lombardia c’è un rappresentante del centrodestra». «Fontana non si permetta di mistificare – è la replica a stretto giro dell’assessore alla Sanità del Lazio Alessio D’Amato – nel Lazio si sono create Rsa esclusivamente Covid per pazienti positivi che secondo le indicazioni cliniche non necessitano di ricovero ospedaliero. Lunedì ne apriremo una interamente pubblica a Genzano di Roma».

Conte: a giorni un piano più chiaro per la ripartenza
In un’intervista al Giornale il giorno dopo la cabina di regia tra Governo, Regioni, Comuni e Province il presidente del Cosiglio Giuseppe Conte ha delineato la strategia per la ripartenza: la riapertura dal 4 maggio, con una forte dose di smart working, e un primo parziale allentamento del lockdown. Nella cabina di regia anche i governi locali, e un piano con linee guida omogenee per tutte le Regioni. Conte spiega che si lavora a proposte di allentamento per convivere con il virus nei prossimi mesi in sicurezza: nei prossimi giorni un piano chiaro. Il Governo è al lavoro per implementare Covid hospital, assistenza territoriale e usare al meglio applicazioni tecnologiche e test per rendere efficiente prevenzione e controllo contagio.

Escorte galati

Rizolvere problemini di eiaculazione

What do you think?

5399 points
Upvote Downvote

Written by admin

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Etna in eruzione, colonna di fumo alta 5 km. Scossa da 3,5-4 gradi nel Pavese

Coronavirus, ultime notizie 19 aprile