in

Fase 2: Inail-Iss, con riaperture 700.000 lavoratori su mezzi pubblici. Ecco le 10 regole da rispettare



FASE 2

Con le riaperture a partire dal 4 maggio si stima che manifatturiero, costruzioni e commercio riprendano a mobilitare complessivamente 700.000 lavoratori potenziali utenti di mezzi pubblici di trasporto

Mascherine su tutti i mezzi pubblici, marker sui sedili

2′ di lettura

«Usa i mezzi pubblici il meno possibile e solo se necessario e utilizza sempre la mascherina per naso e bocca»: è l’indicazione principale del decalogo messo a punto da Inail e Iss in un documento sui trasporti pubblici terrestri approvato dal Comitato tecnico scientifico per l’emergenza Covid pubblicato oggi 27 aprile.
«L’intero sistema di trasporto pubblico deve essere considerato un contesto a rischio di aggregazione medio-alto, con possibilità di rischio alto nelle ore di punta, soprattutto nelle aree metropolitane ad alta urbanizzazione» sottolineano Inail e Istituto Superiore di Sanità nella prefazione al documento.

Manifattura, commercio, edilizia: 700mila pendolari sui mezzi pubblici
Con le riaperture a partire dal 4 maggio si stima che manifatturiero, costruzioni e commercio riprendano a mobilitare complessivamente 700.000 lavoratori potenziali utenti di mezzi pubblici di trasporto.

Anche se «eventuali misure a tutela dei lavorati vulnerabili rispetto al rischio Covid – si legge nel documento – potrebbero ridurre tale numero di almeno il 20%».
Il documento sottolinea che nel complesso gli occupati che utilizzano almeno un mezzo pubblico sono il 15,6% del totale per circa 3,6 milioni di lavoratori. C’è comunque «una criticità soprattutto per le grandi aree metropolitane relativa alla mobilità concentrata principalmente nelle ore di punta del mattino e del pomeriggio».
È difficile invece – si legge – la «quantificazione, relativa alla mobilitazione di terzi connessa con l’apertura delle attività commerciali soprattutto nelle grandi aree metropolitane che potrebbe sovrapporsi con i flussi della mobilità lavorativa».

Il decalogo
Vediamo quali sono le regole messe a punto da Inail e Iss:
1. Non usare il trasporto pubblico se hai sintomi di infezioni respiratorie acute (febbre, tosse, raffreddore).
2. Utilizza i mezzi di trasporto pubblico collettivo nei casi necessari, ad esempio per recarti al lavoro.
3. Prediligi forme alternative di spostamento ove possibile, come camminare o andare in bicicletta.
4. Acquista, ove possibile, i biglietti in formato elettronico, online o tramite app.
5. Durante il viaggio igienizza frequentemente le mani, anche utilizzando gli appositi dispenser ed evita di toccarti il viso.
6. Segui la segnaletica e i percorsi indicati all’interno delle stazioni o alle fermate mantenendo sempre la distanza di almeno un metro dalle altre persone.
7. Utilizza correttamente le porte dei mezzi indicate per la salita e la discesa, rispettando sempre la distanza di sicurezza.
8. Siediti solo nei posti consentiti mantenendo il distanziamento dagli altri occupanti.
9. Evita di avvicinarti o di chiedere informazioni al conducente.
10. È necessario indossare una mascherina, anche di stoffa, per la protezione del naso e della bocca.

Per approfondire
Il 4 maggio riaprono tessile e automotive, ok a visite parenti: ecco il nuovo decreto
Agenzie immobiliari verso la riapertura

Escorte galati

Rizolvere problemini di eiaculazione

What do you think?

5399 points
Upvote Downvote

Written by admin

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Che fine ha fatto Immuni? L’App sparisce dal discorso di Conte e si intensificano i misteri

Scontro Cei-governo sul lockdown delle messe, ma qualche “spiraglio” si sta aprendo