in

Etna in eruzione, colonna di fumo alta 5 km. Scossa da 3,5-4 gradi nel Pavese



COLATA LAVICA

Il fenomeno eruttivo si è attenuato, mentre non si registrano danni per la scossa avvenuta in provincia di Pavia. In mattinata terremoto da 3,2 anche in Calabria

Le spettacolari immagini notturne dell’Etna in eruzione

2′ di lettura

In mattinata si è registrata sull’Etna una nuova fase eruttiva con l’emissione di una colata lavica sommitale. L’attività di fontana di lava si
è gradualmente attenuata fino a cessare. L’emissione di cenere aveva generato un pennacchio che si è innalzato fino a circa 5 chilometri di altezza dai crateri, spinto verso i quadranti orientali del vulcano dai venti dominanti

È l’aggiornamento dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia-Osservatorio etneo (Ingv-Oe) di Catania sulla nuova fase eruttiva dell’Etna, che registra una regressione energica dei fenomeni che sono
confinati tutti nella zona sommitale del vulcano.

L’attività eruttiva del 19 aprile, ricostruiscono i vulcanologi dell’Ingv-Oe di Catania, è iniziata intorno alle 06:30 con l’avvio di una attività stromboliana al “cono della sella” del Nuovo Cratere di Sud-Est ed ha partire dalle 07:15 si è gradualmente evoluto in una fontana di lava.

L’attività ha generato l’emissione di un pennacchio di cenere che nelle fasi iniziali era piuttosto blanda e poi è progressivamente aumentata di intensità a partire dalle 08:45 circa.

Scossa da 3,5-4 gradi in provincia di Pavia
Non si segnalano danni a persone o cose per la scossa di terremoto da 3,5-4 gradi avvertita oggi alle 11.53 nell’Oltrepò pavese, al confine con la provincia di Piacenza. La scossa è stata sentita anche a Pavia, soprattutto ai piani più alti dei condomini, e anche in alcune zone della provincia di Milano e ha creato qualche preoccupazione e qualche ironia sui social.

Escorte galati

Rizolvere problemini di eiaculazione

What do you think?

5399 points
Upvote Downvote

Written by admin

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Una dose di vodka, due di cognac: il cocktail che uccide il Covid-19 da Minsk e Nairobi

Fase due emergenza coronavirus, scontro tra Regioni. Zaia (Veneto): «Chiusura confini è Sud contro Nord»