in , , ,

Disoccupazione Usa meglio di attese, ma Nasdaq torna nel mirino delle vendite. Borse in rosso

(RMF FM via REUTERS)Tasso di disoccupazione in ulteriore calo ad agosto e meglio del 9,8% (dal 10,2% di luglio e 11,1% in giugno). Creati 1,4 milioni di posti. Euro/dollaro sulla soglia degli 1,18. Volano in Spagna Bankia e Caixabank4′ di letturaIl secondo ko in due giorni del Nasdaq (dopo il -5% della vigilia) e dei big tecnologici (Facebook, Apple, Amazon, Netflix, Alphabet e Microsoft perdono tutti tra il 4% e il 5%) accompagnato dall’impennata della volatilità sia in Europa sia nell’azionario Usa spaventa le Borse europee che archiviano la settimana in perdita: Francoforte è stata la peggiore scivolando del 1,6%, mentre Parigi, Londra, Zurigo e Milano hanno ceduto poco meno dell’1%. Piazza Affari in particolare ha terminato le contrattazioni a -0,82%: dopo i fasti di agosto quindi la prima settimana di settembre si chiude con un complessivo -2,3% per il Ftse Mib. Non è bastato il calo oltre le attese della disoccupazione americana (8,4% ad agosto con 1,37 milioni di posti di lavoro creati) né la corsa dei bancari innescata dalle trattative in Spagna tra Bankia e Caixabank per arrivare a una aggregazione, anche se questo ha permesso a Madrid di limitare le perdite allo 0,3%. La rapida fuga dai titoli tecnologici, dopo i continui record di qualche giorno fa, si è fatta sentire anche sugli altri listini prima di una settimana che si aprirà senza Wall Street ferma per il LaborDay.Negli Usa creati 1,37mln di posti di lavoro ad agostoIl mese scorso è stato registrato un aumento dell’occupazione statunitense maggiore del previsto, grazie al fatto che molte aziende hanno riaperto dopo l’emergenza coronavirus; la disoccupazione è scesa più delle attese, dopo essere passata in due mesi dai minimi degli ultimi 50 anni ai massimi dalla Seconda guerra mondiale, a causa della pandemia di nuovo coronavirus. Negli Stati Uniti, ad agosto sono stati creati 1,371 milioni di posti di lavoro, mentre gli analisti attendevano una rialzo di 1,321 milioni; il dato di luglio è stato rivisto da 1,763 a 1,734 milioni, quello di giugno da 4,8 a 4,781 milioni. La disoccupazione è scesa dal 10,2% (confermato) all’8,4%, contro attese per un 9,8%. I salari orari medi sono aumentati dello 0,37%, o 0,11 dollari, a 29,47 dollari; rispetto a un anno prima, sono aumentati del 4,65%, contro attese per un 4,5%. La settimana media lavorativa è aumentata di 0,1 ore a 34,6 ore. La partecipazione della forza lavoro è salita al 61,7%, a 1,7 punti percentuali di distanza dai livelli di febbraio, prima dell’inizio della pandemia di coronavirus.A Wall Street i manager passano all’incasso dopo i recordLo scorso mese, i manager statunitensi hanno venduto 6,7 miliardi di dollari in azioni delle proprie società, approfittando dei record degli indici e dei rialzi senza freni di molti titoli – dopo i minimi toccati a marzo in piena pandemia – per passare all’incasso, il maggiore dal novembre 2015. È quanto emerge dai dati compilati da Smart Insider per il Financial Times, che si basano sulle azioni di 1.042 tra amministratore delegati, direttori operativi e presidenti di società quotate. I dati raccolti hanno catturato le vendite di azioni per almeno 10.000 dollari di società con una capitalizzazione di almeno 1 miliardo.Sul Ftse Mib ko Exor, Bankia vola del 33% a MadridSul Ftse Mib, protagonista Banco Bpm (+3,8%) grazie all’appeal dei bancari per le prospettive di consolidamento, pesante Exor(-4%) dopo la semestrale. Male St, Atlantia e le utility. Positivo il comparto auto in Europa come in Italia con Fiat Chrysler e Pirelli tra i migliori nel paniere delle big. A Madrid +33% Bankia e è11% Caixabank.Fuori dal Ftse Mib scatto Mediaset e TiscaliFuori dal listino principale in rally Tiscali, che dall’accordo con Tim attende un miglioramento dell’Ebitda già a partire dall’ultimo trimestre 2020 e una generazione addizionale di cassa, nel biennio 2021-2022, di oltre 35 milioni.Continua a correre Mediaset, che si riporta sui valori di giugno, dopo che la Corte Ue ha stabilito che la decisione della Agcom, derivante dalla legge Gasparri che impedisce a Vivendi di acquisire il 28% di Mediaset, è contraria al diritto europeo. Il mercato si attende ora che il Biscione si sieda al tavolo delle trattative con i francesi per risolvere una querelle che dura ormai da anni. Inoltre, Mediaset ha sottolineato che se cadessero i vincoli di convergenza fra Tlc e media, valuterà ogni opportunità nel settore Tlc, a partire dalla rete unica in fase di definizione. «L’obiettivo potrebbe quindi essere Tim, ma non è chiaro come possa essere realizzata una convergenza fra le due società o se l’idea sia creare del business integrato», scrivono gli analisti di Equita. La possibile riforma della legge Gasparri sul pluralismo dell’informazione mette le ali a molti titoli dell’editoria con ampie ricoperture su Mondadori, Rcs Mediagroup e Class.

What do you think?

5399 points
Upvote Downvote

Written by admin

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Super Bonus 110%, Patuanelli: sarà strutturale

Borsa, torna a salire l’indice della paura. Tutte le incognite d’autunno sui listini