in

Decreto agosto, Gualtieri: “Nodo licenziamenti sciolto. Domani il testo in cdm”

Decreto agosto, Gualtieri: "Nodo licenziamenti sciolto. Domani il testo in cdm" thumbnail

MILANO – Si tratta ancora, a notte fonda, sulle misure del decreto agosto, che dovrebbe arrivare in Cdm domani. A quanto si apprende, dal testo sarebbe ad ora saltato il bonus per avere lo sconto al ristorante, pensato per incentivare i consumi, ma la partita non sarebbe ancora chiusa. “C’è un forte pressing del M5s per confermare la norma”, dice una fonte di governo. Al momento, spiega un’altra fonte, ci sarebbero altre misure sui ristoranti ma non quella sui consumi.
Sarebbe invece confermato il rifinanziamento del fondo per il piano sul cashless, per incentivare l’uso della moneta elettronica, che però dovrebbe partire “più avanti”. Nelle bozze compariva un rifinanziamento da 1,5 miliardi sul 2021.
Le trattative, intesa si cig e blocco licenziamenti
Il governo ieri aveva trovato l’intesa sulla proroga della cig e del blocco dei licenziamenti. “Il nodo è stato sciolto, c’è condivisione. Abbiamo fatto una sintesi”, ha detto il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri uscendo da Palazzo Chigi, interpellato sul punto che fino ad ora aveva diviso  la maggioranza. “Domani – ha aggiunto – il provvedimento approderà in Consiglio dei ministri”.
Nell’intesa raggiunta non viene fissata una da precisa oltre la quale non sarà più possibile licenziare. Dal 13 luglio sono previste altre 18 settimane di cassa integrazione o – in alternativa – di decontribuzione per le aziende che scelgono di fare rientrare i lavoratori dalla cassa. Solo al termine delle 18 settimane l’impresa potrà procedere al licenziamento. Le settimane di cassa “extra” possono essere richieste tutte insieme (e in questo caso il termine per il blocco dei licenziamenti finirebbe il 15 novembre) oppure oltre, nel caso vengano scaglionate nel tempo. In ogni caso, anche per chi non dovesse utilizzare la cassa integrazione, il divieto di licenziamento resterebbe in vigore per tutte le 18 settimane (dal 13 luglio) in cui è possibile chiedere la cig.
Tra le novità dell’ultim’ora dell’intesa a Palazzo Chigi anche uno scontro sui contributi del 30% per le imprese che assumono al Sud mentre il bonus consumi – se sarà trovato un accordo – sarà riservato alla ristorazione, lasciando quindi fuori altri settori – come arredo o abbiglimento – che inizialmente si pensava potessero rientrare nel beneficio.Italia Viva: “Nostro sì condizionato a slittamento scadenze fiscali”
 L’intesa trovata è comunque, per alcune forze politiche, condizionata all’inserimento di altre misure. E’ il caso di Italia Viva. “Il confronto è stato lungo e approfondito, ma il via libera di Iv è condizionato alla presenza di alcune misure che servono all’economia italiana e che abbiamo chiesto con forza, in primis lo slittamento delle tasse di novembre per i lavoratori autonomi, isa e forfettari”, ha spiegato Luigi Marattin di Italia Viva dopo l’annuncio di Gualtieri.

Leggi tutto

What do you think?

193 points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Covid Toscana, l’andamento dei nuovi positivi. Il rischio di un brusco passo indietro

Coronavirus: in Italia altri 402 casi, 6 morti e 347 guariti thumbnail

Coronavirus: in Italia altri 402 casi, 6 morti e 347 guariti