in , , ,

Da oggi esaurite le risorse del pianeta, ora siamo in credito con la Terra

Da oggi esaurite le risorse del pianeta, ora siamo in credito con la Terra thumbnail

Allo stato attuale delle cose, la Terra impiega un anno e otto mesi per rigenerare le risorse che consumiamo in un anno. L’umanità, infatti, utilizza attualmente il 60% in più di quanto si possa rinnovare all’interno dello stesso anno. In pratica, è come se si consumassero le risorse di 1,6 pianeti Terra.Oltre metà dell’impronta ecologica dell’umanità è costituita dall’impronta di carbonio. Immettiamo in atmosfera molti più gas serra di quanti la Terra, attraverso foreste e oceani, riesca ad assorbire, e gli effetti sono sotto i nostri occhi. È la voce di “spesa” che cresce più rapidamente in questo disastroso bilancio: dal 1970 ad oggi la nostra impronta di carbonio globale, misurata in ettari, è più che raddoppiata.L’emergenza climatica è, insieme alla perdita di biodiversità, il triste risultato di questa esosa richiesta al pianeta. Decarbonizzare la nostra economia non solo inciderebbe sulla crisi del clima, ma porterebbe un migliore equilibrio sulla bilancia che vede da una parte l’impronta ecologica e dall’altra la biocapacità terrestre. Dimezzando l’impronta di carbonio arriveremmo a consumare le risorse di “appena” 1,1 Terre e sposteremmo in là la data dell’Overshoot Day di 93 giorni.Quest’anno il coronavirus ha chiuso gli uffici e i negozi, azzerato gli spostamenti e il turismo, mettendo in ginocchio l’economia, riducendo del 9,3%, rispetto all’anno scorso, l’impronta ecologica dell’umanità. Gli studi del team di Wackernagel indicano che nel 2020 le emissioni di carbonio sono scese del 14,5%, grazie alla flessione dei consumi energetici e di prodotti forestali (-8,4%). Questo scarto da un anno all’altro è il più netto dall’inizio degli anni Settanta, da quando si calcola l’Overshoot Day.Nel corso dei decenni ci sono stati fattori in grado di spostare in avanti la data, come la crisi economica del 2008, ma mai con un salto così marcato. Si tratta però di una riduzione che non è destinata a durare molto: per l’anno prossimo è già previsto un rimbalzo dei consumi, che sposterà di nuovo indietro il giorno dello sovrasfruttamento del pianeta.

What do you think?

193 points
Upvote Downvote

Written by admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La curva anomala, i troppi piloni: pregi e difetti del nuovo Ponte di Genova thumbnail

La curva anomala, i troppi piloni: pregi e difetti del nuovo Ponte di Genova

E-commerce, Amazon risponde per i danni causati dai prodotti venduti thumbnail

E-commerce, Amazon risponde per i danni causati dai prodotti venduti