in

Covid nel mondo, Germania pensa a una multa per chi non porta la mascherina

Washington, 27 agosto 2020 – La pandemia da Coronavirus nel mondo non frena la sua corsa – superati gli 820mila morti – con nuovi record di contagi in Argentina e in India. E ora anche l’Europa sembra parecchio spaventata: tutti i Paesi temono in particolare il ritorno a scuola e corrono ai ripari.
Russia, Putin: “A settembre pronto secondo vaccino”
In Russia è pronto un altro vaccino e il lancio è previsto a settembre. Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin. “Il vaccino sarà pronto a settembre, il celebre Istituto Vector di Novosibirsk ci sta lavorando», ha detto Putin in un’intervista al canale televisivo Rossiya-1. I due vaccini «competeranno l’uno con l’altro» e avranno «la stessa efficacia”.
Germania, multa a chi non porta mascherina
In Germania i contagi giornalieri restano sopra quota 1500 e la cancelliera tedesca Angela Merkel si è oggi favorevole ad istituire una multa nazionale minima di 50 euro per chi venga sorpreso senza mascherina in un negozio o sui mezzi pubblici, dove è obbligatoria. Lo apprende la Dpa da alcune fonti. La misura dovrebbe essere inclusa nel position paper del governo federale in vista dei colloqui tra la cancelliera e i governatori dei 16 stati della Germania, durante i quali si tenterà di coordinare le regole per prevenire la diffusione del coronavirus Sars-CoV-2, alla luce del numero crescente di contagi.
Inoltre Merkel vuole vietare tutti i grandi eventi – concerti, festival e manifestazioni sportive – fino al 31 dicembre. Potranno essere fatte eccezioni sui grandi eventi nei land con un basso tasso di contagio, a condizione che siano presenti solo persone residenti nella regione o provenienti da aree con la stessa situazione sanitaria.  La cancelliera chiederà anche di limitare le riunioni private a un massimo di 25 persone, che potranno salire a 50 in luoghi pubblici come i ristoranti. La Germania inoltre si prepara ad allungare il divieto di ingresso negli stadi fino alla fine dell’anno a causa dei nuovi aumenti dei contagi da Covid-19.
Francia, mascherina obbligatoria a scuola
Le mascherine saranno obbligatorie nelle scuole medie e superiori, anche durante la ricreazione. E’ quanto risulta dal protocollo sanitario aggiornato dal ministero dell’Istruzione francese in vista dall’inizio del nuovo anno scolastico. La mascherina è obbligatoria a partire dagli undici anni e in ogni caso dall’ingresso alle scuole medie. Gli alunni dovranno indossarle anche “negli spazi chiusi come negli spazi esterni”, quindi anche durante la ricreazione.
Il governo francese ha inserito 19 nuovi dipartimenti nella zona rossa (circolazione attiva del virus) oltre a Parigi e Bouches du Rhone. Il premier Jean Castex rileva una “impennata indiscutibile dell’epidemia” che “sta progredendo in tutto il territorio” con “39 casi positivi ogni 100 mila abitanti, quattro volte il dato di un mese fa”, ha spiegato in una conferenza stato-regioni. “L’epidemia sta riguadagnando terreno e ora è il momento di intervenire”.
Gran Bretagna e mascherine
Giravolta di Boris Johnson sulle mascherine a scuola (la cui ripartenza è confermata in tutto il Regno Unito). Le mascherine ora vanno portate, seppure non in classe, dagli studenti delle secondarie sopra i 12 anni, dagli insegnanti e da tutto il personale in qualunque spazio collettivo come corridoi, ingressi, eccetera. L’indicazione – varata per primo dall’esecutivo locale della Scozia a partire da lunedì 31 – è stata estesa in extremis alla più popolosa Inghilterra dal governo nazionale del premier Tory, con una evidente correzione di rotta. In morti in Gran Bretagna sono ufficialmente circa 41.500 morti: la cifra più alta in Europa in termini assoluti, seconda a Spagna e Belgio in rapporto alla popolazione.
Argentina da record
Il ministero della Sanità argentino ha confermato che nel Paese si sono registrati in un giorno 10.550 nuovi positivi al coronavirus Sars-CoV-2, il terzo picco consecutivo di contagi, che porta a 370.188 i casi accumulati dall’inizio della pandemia.  L’Argentina, che alla vigilia aveva registrato circa 7mila casi, ha avuto ieri, mercoledì, altri 276 morti, che portano a 7.839 i deceduti a causa della Covid-19, la malattia provocata dal virus. I guariti sono 268.801.  La provincia di Buenos Aires è la più colpita, con 230.332 casi accumulati, dopo i 6.628 registrati nelle ultime 24 ore (anche in questo caso si tratta di un picco giornaliero). Secondo le autorità sanitarie, il 61,1% dei casi accumulati sono frutto di contagio a livello di comunità, il 24% sono contatti stretti di casi confermati e solo lo 0,3% sono contagi importati dall’estero.

India
Con altri 75.760 casi di Covid-19 registrati nelle ultime 24 ore, l’India ha superato i 3,3 milioni di contagi dall’inizio della pandemia. Stando a quanto riferito oggi dal ministero della Salute, sono oltre 2,5 milioni i guariti, mentre i casi attivi sono quasi 726.000.  Altre 1.023 persone sono morte nelle ultime 24 ore, per un totale di 60.472 decessi.
Tokyo, 20mila contagi
Supera per la prima volta quota 20mila il numero dei contagi di coronavirus a Tokyo, che si conferma la prima prefettura nell’arcipelago. Il governo metropolitano ha annunciato 250 nuove positività nella giornata di giovedì rispetto ai 236 di ieri, con una media settimanale in leggero calo rispetto alla prima metà del mese; livelli giudicati allarmanti dalle autorità sanitarie della capitale, con 31 pazienti ricoverati in ospedale con sintomi definiti gravi. 

© Riproduzione riservata

Leggi tutto

What do you think?

193 points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Flavio Briatore, il coronavirus e la prostata. Lo umiliano con questo video: "Quando risulti positivo..." thumbnail

Flavio Briatore, il coronavirus e la prostata. Lo umiliano con questo video: “Quando risulti positivo…”

Inps: oltre 2,5 miliardi di ore di cig per l'emergenza Covid thumbnail

Inps: oltre 2,5 miliardi di ore di cig per l’emergenza Covid