in

Covid, De Luca: «Pronto a chiudere la Campania»

Covid, De Luca: «Pronto a chiudere la Campania» thumbnail

L’EMERGENZA SANITARIA
22 agosto 2020 – 09: 37

«A fine agosto vedremo se chiedere al Governo di limitare o meno la mobilità interregionale»

«Sono 68 i contagi registrati venerdì in Campania. 14 a Napoli: 3 dall’estero, 6 provenienti da strutture turistiche della Sardegna e 5 residenti. A Caserta contagi provenienti da Spagna e Sardegna. Anche a Salerno contagi provenienti dall’estero. Quando siamo di fronte a questi dati bisogna bloccare i viaggi dall’estero». Questo il bilancio dell’emergenza Covid in Campania riassunto dal governatore De Luca. «A fine agosto vedremo se chiedere al Governo di limitare o meno la mobilità interregionale – ha proseguito il governatore – al rilassamento generale che si è registrato nel nostro Paese, soprattutto in alcuni settori delle attività economiche legate al tempo libero con episodi di non rispetto delle norme di sicurezza, con assembramenti con migliaia di giovani». E poi da «una scelta sbagliata del governo di apertura totale delle frontiere in uscita e in entrata senza nessun controllo. Credo che questa scelta abbia penalizzato il nostro Paese». I timori del momento dunque alzano il livello di guardia, tanto da spingere il governatore della Campania De Luca ad annunciare una possibile richiesta al governo – se il trend si dovesse confermare – per il ritorno alla parziale `chiusura´ delle Regioni. Si tratta di ipotesi scaturite da giorni in cui il picco estivo di contagi continua a crescere: sono 947 i nuovi casi registrati, per un totale di 257.065, e nove i morti nell’ultimo bollettino, complessivamente 35.427. Crescono anche i ricoveri, che toccano quota 919 con i 36 in più rispetto al giorno precedente, ma restano per fortuna stabili le terapie intensive. Si conferma l’abbassamento dell’età dei malati nelle ultime settimane: si tratta sempre più spesso di giovani sulla media dei 30 anni, a cui ora il ministro della Salute Speranza lancia un appello. «Loro hanno sintomi debolissimi o non hanno sintomi – dice – ma presto il contagio potrebbe arrivare a genitori e nonni». Tra le regioni che nelle ultime 24 ore hanno fatto registrare un netto aumento di malati c’è il Lazio (+137), secondo solo alla Lombardia (+174). La Campania ne registra 68 in più ma il governatore è pronto ad invocare una nuova stretta sulla circolazione nel Paese, per chiedere all’Esecutivo di puntare a «ripristinare la limitazione della mobilità intraregionale. Lo decideremo tra 15 giorni con grande determinazione, salvo i casi di motivi di lavoro o di salute. Ci regoleremo anche sui contagi nel resto d’Italia», sottolinea De Luca per il quale «di fronte a questi dati che cominciano a essere pericolosi bisogna bloccare i viaggi all’estero». Per il senatore di Italia Viva, Ernesto Magorno, invece, «le misure restrittive per fermare la crescita della curva vanno prese immediatamente».

22 agosto 2020 (modifica il 22 agosto 2020 | 10: 11)
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Leggi tutto

What do you think?

193 points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

“Con lo smartworking Milano non conviene. Al Sud ho la famiglia e abbatto le spese” thumbnail

“Con lo smartworking Milano non conviene. Al Sud ho la famiglia e abbatto le spese”

Venezia, pugni e spintoni alla fermata del vaporetto: la rivolta dei passeggeri contro il turista tedesco… thumbnail

Venezia, pugni e spintoni alla fermata del vaporetto: la rivolta dei passeggeri contro il turista tedesco…