in

Covid-19,la top ten del caroprezzi durante il lockdown: ai primi tre posti E-book download (+30,4%), frutta fresca (+12,8%) e pc (+12%)



LA FOTOGRAFIA DELL’UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI

Per i computer, rileva l’associazione dei consumatori, si è approfittato dello smart working e dell’obbligo degli studenti di seguire le lezioni a distanza, per fare rialzi a danno di lavoratori e famiglie

di An.C.

Assalto supermercati, niente allarme cibo, rincari su web

Per i computer, rileva l’associazione dei consumatori, si è approfittato dello smart working e dell’obbligo degli studenti di seguire le lezioni a distanza, per fare rialzi a danno di lavoratori e famiglie

2′ di lettura

Rincari a fare da sfondo all’emergenza sanitaria Covid 19. E nella top ten dei prodotti che, secondo l’Unione nazionale consumatori, hanno registrato un balzo dei prezzi durante l’emergenza sanitaria, ossia da febbraio, mese dove non c’era ancora il lockdown, a maggio, spiccano a primi tre posti il download di e-book, la frutta fresca e i pc. L’elaborazione è stata effettuata sulla base degli ultimi dati Istat sull’inflazione, spiega l’associazione dei consumatori. Quelli di maggio sono ancora provvisori: al momento della rilevazione – viene messo in evidenza – non sono ancora disponibili tutti i prezzi che si avranno poi con il dato definitivo.

Voglia di leggere per ingannare il tempo: +30,4% per E-book download
Il record dei rincari spetta alla voce e-book download, con un rialzo, in soli 3 mesi, del 30,4%. La necessità di trascorrere il tempo ha spinto molte persone chiuse in casa a immergersi in una buona lettura. Al secondo posto la Frutta fresca, +12,8% e al terzo gli Apparecchi per il trattamento dell’informazione, ossia computer portatili e fissi, palmari, tablet, notebook con un incremento del 12%.

+12% per i pc: «ci si è approfittati dello smart working»
L’Unione nazionale consumatori, con riferimento a quest’ultima categoria di prodotto, non ha dubbi: in pratica, rileva, si è approfittato dello smart working e dell’obbligo degli studenti di seguire le lezioni a distanza, per fare rialzi a danno di lavoratori e famiglie. Analogo scenario per gli accessori per apparecchi per il trattamento dell’informazione, ossia monitor e stampanti, che si collocano al quarto posto di questa classifica, salendo dell’11,3%. Sfruttamento simile per la quinta voce, apparecchi per la telefonia fissa, +7,7%. Evidentemente, si legge nel report, «i telefoni fissi che si avevano non potevano bastare dal momento che tutta la famiglia era “reclusa” tra le quattro mura di casa e c’è chi ha pensato bene di cogliere questa necessità per guadagnarci».

«C’è chi ha approfittato dell’emergenza per lucrare»
Insomma, a fronte di un indice generale aumentato da febbraio a maggio solo dello 0,1%, c’è chi ha approfittato dei beni che gli italiani hanno dovuto prendere o acquistare maggiormente per via dell’emergenza Coronavirus, per – è la conclusione dell’associazione dei consumatori – «lucrare». È così che secondo l’Unione nazionale consumatori si spiega il sesto posto, Vegetali surgelati (+4,8%), bene sostituto dei vegetali freschi, e il settimo, le patate, ricercate per la loro caratteristica di conservarsi più a lungo (+4,4%) e, alla pari, Altri articoli di cancelleria, ossia evidenziatori, matite, penne e cartucce a getto d’inchiostro e toner, anche queste collegate allo smart working (+4,4%).

All’ultimo posto della top ten dei rincari la farina
In ottava posizione cacao e cioccolato in polvere, tipico comfort food, +4,3%, in nona posizione un ex aequo, Pasta e couscous (+4,2%) e Apparecchi per cottura cibi, come forni, forni a microonde, piani cottura (+4,2%). Chiude la top ten la farina (+3,8%). Insomma, la voglia di pizza e di dolci fatti in casa ha influito sulle ultime due voci della graduatoria.

Escorte galati

Rizolvere problemini di eiaculazione

What do you think?

193 points
Upvote Downvote

Written by admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Corte dei Conti: contro Covid privilegiati i grandi ospedali, territorio indifeso

Cartelle sospese fino ad agosto, ma il 59% ha versato