in , , ,

Coronavirus, ultimi dati: in Italia altri 1.462 casi e 9 morti

Coronavirus, ultimi dati: in Italia altri 1.462 casi e 9 morti thumbnail

dati aggiornatiAttualmente positivi in crescita del 5%, ricoverati in aumento del 4,15%. Sette pazienti in più in terapia intensiva. In Lombardia 316 contagiMascherine riconvertite in visiere. L’eco-idea di una startupAttualmente positivi in crescita del 5%, ricoverati in aumento del 4,15%. Sette pazienti in più in terapia intensiva. In Lombardia 316 contagi3′ di letturaI DATI DEL CONTAGIOLoading…Sono 1.462 i nuovi casi di coronavirus alle 17 di venerdì 28 agosto e portano il totale, dall’inizio dell’epidemia, a quota 265.409 (+0,55%). I morti registrati nelle ultime 24 ore sono 9 (+0,02%), a seguito dei quali la cifra complessiva raggiunge quota 35.462. I guariti dell’ultimo giorno sono stati 348, +0,16% nel confronto con giovedì. Al momento, in Italia, si contanto 23.035 attualmente positivi, +5,02% rispetto al giorno precedente. I ricoverati con sintomi sono 1.178 (+4,15%), di cui 74 in terapia intensiva, ossia 7 in più a fronte del 27 agosto. Le persone sottoposte a isolamento domiciliare, invece, sono 21.783 (+5,05%). Questo il quadro che emerge dai dati odierni della Protezione civile sulla diffusione del Covid-19 in Italia. Dati elaborati sulla base di 97.065 tamponi processati, a fronte dei 94.024 del giorno precedente.Nessuna regione a zero casiA livello delle singole regioni, quella che presenta il numero maggiore di casi è ancora una volta la Lombardia (316), seguita da Campania (183), Lazio (166) ed Emilia Romagna (164). Successivamente troviamo, distaccate, Piemonte (91) e Toscana (82). Tutte le altre regioni presentano meno di 70 nuovi casi di contagio. Chiude il quadro il Molise con una sola positività. Nessuna regione, in ogni caso, registra zero casi.In Campania si tocca quota 183 positiviSono 183 i nuovi positivi rilevati in Campania di cui 81 rientrati dalle ferie (36 dalla Sardegna, 45 da Paesi esteri), su 5.494 tamponi eseguiti: lo rende noto l’Unità di crisi della Regione. Nel bollettino aggiornato non ci sono vittime (il totale resta a 445) mentre si segnalano dieci nuove guarigioni che portano il complessivo dall’inizio dell’epidemia a 4.383.Lazio, 166 contagiNel Lazio si registrano 166 casi e un decesso. Di questi 87 sono a Roma, si conferma una prevalenza dei casi di rientro (circa 60%) e in particolar modo con link dalla Sardegna (38%). Continua lo straordinario lavoro di testing e tracciamento, record tamponi oltre 14 mila. Da lunedì a Civitavecchia sarà possibile anche per chi parte verso la Sardegna effettuare volontariamente e gratuitamente il test. Ai drive-in regionali, che rimarranno aperti anche al sabato e la domenica, sta entrando in funzione progressivamente la rete dei test rapidi gratuiti e validati con risposta entro la mezz’ora.IL TREND GIORNO PER GIORNOLoading…Veneto, 135 nuovi positiviSono 135 i nuovi casi di positività in Veneto, per un dato complessivo dall’inizio dell’epidemia che raggiunge i 22.604 infetti. Si registrano nelle ultime 24 ore anche due vittime, per un conteggio totale di 2.119 morti (tra ospedali e case di riposo). Lo rende noto il bollettino della Regione. Con i nuovi focolai sul territorio si registra un altro boom dei soggetti in isolamento, +1.074, per un dato complessivo di 8.110 (126 dei quali con sintomi). Si tratta però di un incremento – spiega la sanità regionale – che risente di un caricamento massivo di dati riguardanti viaggiatori sottoposti a tampone dall’Ulss di Verona, provincia in cui le persone in isolamento sono ora 2.307. I soggetti attualmente positivi in Veneto sono 2.253.

What do you think?

193 points
Upvote Downvote

Written by admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Contagi, scuola, ricoveri: i 3 scenari dell’Oms per l’autunno in Italia thumbnail

Contagi, scuola, ricoveri: i 3 scenari dell’Oms per l’autunno in Italia

La curva dei contagi cresce ma i morti diminuiscono. Ecco perché thumbnail

La curva dei contagi cresce ma i morti diminuiscono. Ecco perché