in

Coronavirus, ultimi dati: attualmente positivi in calo del 2,64%



i dati del contagio

Guariti in crscita dell’1,55% in un giorno. I nuovi casi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 669, i morti 119

Coronavirus: dal plasma speranze, ma resta il nodo donatori

Guariti in crscita dell’1,55% in un giorno. I nuovi casi riscontrati nelle ultime 24 ore sono 669, i morti 119

3′ di lettura

Sono 229.327 i casi di contagio totali da coronavirus alle 17 del 23 maggio, 669 più di venerdì, per un incremento dello 0,29 per cento. I deceduti nelle ultime 24 ore sono stati 119 (+0,36% sul giorno precedente), dato che porta a quota 32.735 i morti complessivi dall’inizio della pandemia. Salgono a quota 138.840 i guariti totali: 2.120 quelli registrati nell’ultimo giorno (+1,55%). Gli atualmente positivi sono 57.752, ossia 1.570 in meno rispetto a venerdì (-2,64%).

Questo il quadro che emerge dai dati giornalieri della Protezione civile sull’epidemia di Covid-19 in Italia. Al momento i ricoverati a livello nazionale sono 8.695 (262 in meno rispetto a venerdì, -2,92%)di cui 572 in terapia intensiva (23 in meno, dato in calo del 3,86%). In isolamento domiciliare restano 48.485 persone e la differenza, nel confronto con venerdì, è di 1.258 unità (-2,58%).

Toscana, guariti in aumento,+10% media italiana
Le guarigioni dal csoronavirus registrate in Toscana sono in aumento e superano del 10% la media italiana. Lo sostengono gli esperti dell’Agenzia regionale di sanità (Ars), nel report settimanale sull’andamento del contagio. «Con i dati aggiornati al 22 maggio – si afferma nel report dell’Ars – delle 10.035 persone che si sono ammalate di Covid-19 in Toscana dall’inizio dell’epidemia, il 72,1% sono guarite, il 10,1% sono purtroppo decedute, il 15,8% sono in isolamento domiciliare (con uno stato clinico che può quindi essere seguito e curato a domicilio o totalmente asintomatico), ed il 2% è ricoverato in ospedale».

LA MAPPA AGGIORNATA DEI CONTAGI

Rispetto ai decessi, in Toscana «al 21 maggio sono più di 1.000 le persone la cui causa di morte è direttamente attribuibile a Covid-19». La numerosità media giornaliera, si precisa, si è abbassata nel corso delle settimane: 4 decessi in media nell’ultima settimana, a fronte di 25 alla fine di marzo. I dati raccolti sulla piattaforma dell’Istituto superiore di sanità, rileva ancora Ars, evidenziano «come un uomo abbia oltre due volte il rischio di morire, una volta ammalatosi, rispetto a una donna». A partire dai 65 anni, rispetto alla classe di età 60-64 anni, il rischio di morire aumenta di almeno due volte. Inoltre, a parità di età e genere, «la probabilità di morire per un malato Covid-19 con pregresse patologie croniche è circa tre volte quella di un malato di Covid-19 senza alcuna patologia».

Escorte galati

Rizolvere problemini di eiaculazione

What do you think?

193 points
Upvote Downvote

Written by admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Volo Eurowings parte da Düsseldorf per la Sardegna, ma l’aeroporto di Olbia è chiuso

Calcio, sci, vela, ciclismo, tennis: lo sport teme l’alt a 200 grandi eventi