in

Coronavirus, il ministro Speranza: “Dopo l’autunno e l’inverno vedremo la luce”

Coronavirus, il ministro Speranza: "Dopo l’autunno e l’inverno vedremo la luce" thumbnail

“Stanno per arrivare cure innovative”

“Una cura e un vaccino sono vicini”, dice il ministro della Salute in un’intervista a ‘Repubblica’. E sulla scuola: “Basta polemiche inutili, non è un problema della ministra Azzolina, ma di tutti noi” 

Condividi

13 settembre 2020″Una cura e un vaccino per il Covid sono vicini” dice il ministro della Salute Roberto Speranza in un’intervista a ‘Repubblica’. “Dobbiamo ancora mantenere il distanziamento, portare le mascherine, lavarci le mani, ma non è per sempre: dopo l’autunno e l’inverno vedremo la luce”, aggiunge.
AstraZeneca ha annunciato che la sperimentazione sul suo vaccino riparte. È una buona notizia? “Molto – risponde Speranza – il caso anomalo riscontrato non era legato al vaccino. Come Unione europea stiamo comprando un pacchetto 6+1, quello di AstraZeneca è uno dei sei ed è in fase più avanzata. Ci sono anche gli altri però. E stanno per arrivare cure innovative: a Siena il professor Rino Rappuoli sta facendo un lavoro straordinario sugli anticorpi monoclonali da cui verranno fuori farmaci efficaci”.Scuola, il ministro difende la collega Azzolina: “Non abbiamo bacchetta magica”
“Basta polemiche inutili sulla scuola, non è un problema della ministra Azzolina, ma di tutti noi” dice poi il ministro della Salute Roberto Speranza in un’intervista a ‘Repubblica’. “Abbiamo lavorato con Regioni, Province e Comuni a partire dal documento sulla gestione dei casi Covid, approvato all’unanimità. Abbiamo fatto più che negli altri Paesi europei. Nessuno pensa che la situazione sia perfetta, non abbiamo la bacchetta magica e i problemi della scuola italiana non nascono col Covid. Ma ci sono risorse senza precedenti, stiamo provando a investire sul personale scolastico e sulle attrezzature, forniremo 11 milioni di mascherine al giorno a tutti gratuitamente”.
Perché non prevedere la misurazione della febbre a scuola con i termoscanner, prima di entrare? “Come ha spiegato il Comitato tecnico scientifico – sottolinea Speranza – la febbre va misurata a casa perché il tragitto fino a scuola è già occasione di incontri. Pensi solo ai mezzi pubblici. E per evitare assembramenti fuori dagli istituti scolastici”.Ristabilirete l’obbligo di certificato medico per assenze che durino più di tre giorni? “Ci sarà un’attestazione da parte dei medici e dei pediatri. In caso di sospetto Covid la famiglia chiamerà il medico che valuterà di cosa si tratta”, risponde.
Leggi tutto

What do you think?

193 points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Coronavirus, in Francia oltre 10mila nuovi casi in 24 ore thumbnail

Coronavirus, in Francia oltre 10mila nuovi casi in 24 ore

VW ID.4: So fährt sich das erste Elektro-SUV von VW thumbnail

VW ID.4: So fährt sich das erste Elektro-SUV von VW