in

Coronavirus, ecco i verbali secretati del Cts: già a fine febbraio la richiesta di misure restrittive



emergenza covid

Hanno rappresentato la base delle misure di contenimento adottate per l’emergenza coronavirus

di Nicoletta Cottone

Coronavirus, dai treni agli autobus, alle crociere: le distanze da rispettare

Hanno rappresentato la base delle misure di contenimento adottate per l’emergenza coronavirus

4′ di lettura

É andato in tilt il sito della Fondazione Einaudi, che ha pubblicato i verbali finora secretati delle riunioni del Comitato tecnico scientifico, che hanno rappresentato la base delle misure di contenimento adottate per l’emergenza coronavirus. La desecretazione dei verbali è avvenuta in risposta a una istanza di accesso civico inoltrata dall’Istituto il 13 maggio 2020. Gli avvocati Rocco Todero, Andrea Pruiti ed Enzo Palumbo avevano ricevuto dalla Presidenza del Consiglio dei ministri, nella serata del 5 agosto, la documentazione a suo tempo secretata del Comitato tecnico scientifico posta a base dei Dpcm, che hanno messo a disposizione il giorno successico, il 6 agosto. In arrivo una interrogazione urgente dei parlamentari bergamaschi leghisti Roberto Calderoli, Daniele Belotti, Simona Pergreffi e Rebecca Frassini, che chiedono vengano resi noti anche i verbali secretati relativi alla zona rossa di Alzano e Nembro.

L’appello a Conte

È stato così accolto l’appello che il presidente della Fondazione Einaudi, Giuseppe Benedetto, aveva rivolto al presidente del Consiglio Conte di far prevalere informazione e trasparenza rispetto ad elementi di tale rilevanza per la vita dei cittadini italiani. Su Facebook la Fondazione ha pubblicato anche la lettera di trasmissione con la quale il Governo ha trasmesso gli atti del Comitato tecnico scientifico: «Una grande affermazione civile, nell’interesse di tutti gli italiani», si legge sulla pagina seguita da 22mila persone.La Fondazione Einaudi, nel ringraziare la presidenza del Consiglio dei ministri per la sensibilità dimostrata, li ha resi pubblic i nella giornata del 6 agosto. Nell’informativa in Senato il ministro della Salute Roberto Speranza sulla consegna dei verbali spiega: «La Presidenza del Consiglio ha già provveduto a consegnare i verbali del Cts a chi ne ha fatto richiesta e la regola della trasparenza è quella cui non intendiamo rinunciare».

Coronavirus, ecco i verbali finora secretati delle riunioni del Comitato tecnico scientifico

Visualizza

La lettera di trasmissione dei documenti di Borrelli

Visualizza

Dallo smart working al blocco dei viaggi d’istruzione

Nelle pagine scorrono i mesi della pandemia che hanno cambiato le vite degli italiani, i suggerimenti degli esperti al governo, che poi sono stati la base delle misure per combattere l’emergenza da coronavirus e del lockdovw. Il 3 febbraio, per esempio, viene esteso il lavoro agile in tutta Italia fino alla fine dell’emergenza, vengono bloccati i viaggi di istruzione in Italia e all’estero, viene sospesa la domenica gratuita nei musei a porte aperte. Si parla dell’opportunità di validare i test sierologici. Ci sono tabelle e grafici che raccontano l’emergenza e spiegano le misure adottate.

Lo stop ad abbracci e strette mano nel verbale del 1° marzo

Il 1° marzo si decide sullo stop ad abbracci e strette di mano: «Il Cts esprime la raccomandazione generale che la popolazione, per tutta la durata dell’emergenza, debba evitare, nei rapporti interpersonali, strette di mano e abbracci», scriveva il Comitato dopo l’esplosione del coronavirus in Italia.

28 febbraio: rivedere le misure per Lombardia, Veneto ed Emilia

Una settimana dopo l’individuazione del paziente uno a Codogno il Comitato suggerisce misure più restrittive per le tre regioni dove il Coronavirus si stava maggiormente diffondendo. In Emilia Romagna, Lombardia e Veneto c’è una «situazione epidemiologica complessa attesa la circolazione del virus, tale da richiedere la prosecuzione di tutte le misure di contenimento già adottate, opportunamente riviste». Viene suggerita la sospensione di tutte le manifestazioni organizzate «di carattere non ordinario e di eventi in luogo pubblico e privato», di eventi e competizioni sportive di ogni ordine. Si parla di chiusura di scuole e università, il mantenimento dell’obbligo di chiusura per musei e per tutti i luoghi culturali. Sul fronte delle attività commerciali il Cts consigliava la «soppressione dell’obbligo di chiusura», ma solo a condizione «dell’adozione di misure organizzative che consentano la fruizione nel rispetto della distanza di almeno un metro tra le persone».

Escorte galati

Rizolvere problemini di eiaculazione

What do you think?

193 points
Upvote Downvote

Written by admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Snam, la domanda di gas in ripresa nel 2021 dopo la frenata provocata dalla pandemia

Il Testo unico sulla riforma dello Sport della discordia