in

Coronavirus: ecco che protezioni usare con pazienti sintomatici e non



dall’Istituto superiore di sanità

Come devono comportarsi operatori sanitari, addetti alle pulizie. Ma anche che fare in ambulatorio, nelle sale di attesa, all’accettazione o nell’assistenza a domicilio

di Nicoletta Cottone

Coronavirus, ecco come funziona la nuova Cig d’emergenza

2′ di lettura

Come proteggersi dal Coronavirus nell’ambito delle attività sanitare e sociosanitarie nel corso dell’assistenza ai pazienti. Istruzioni per fronteggiare Covid-19, garantendo la sicurezza degli operatori sanitari arrivano dall’Istituto superiore di sanità che detta le indicazioni sull’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale durante l’assistenza ai pazienti. Come devono comportarsi operatori sanitari e addetti alle pulizie nella stanza di un paziente Covid-19 o come devono agire i tecnici di laboratorio o gli operatori delle aree amministrative. Ma anche come comportarsi in ambulatorio, nelle sale di attesa, all’accettazione, in ambulanza o nell’assistenza a domicilio.

Indicazioni in linea con le attuali evidenze scientifiche
«Le indicazioni fornite – spiega l’Istituto superiore di sanità – tengono conto delle evidenze scientifiche a oggi disponibili a tutela della salute dei lavoratori e dei pazienti e degli orientamenti delle più autorevoli organizzazioni internazionali, e sono state redatte sulla base delle evidenze che giornalmente emergono da medici e infermieri impegnati in prima linea nei reparti e nei servizi del Ssn». Si tratta di linee guida esaminate e approvate dal Comitato tecnico scientifico attivo presso la Protezione Civile e fatte proprie dal ministero della Salute. «Queste indicazioni – spiega il presidente dell’Iss Silvio Brusaferro – sono improntate al principio di precauzione per garantire la salute e la sicurezza di tutti gli operatori sanitari .

Ecco quale dispositivo usare per prevenire il contagio da coronavirus

Visualizza

Nella situazione attuale caratterizzata talora da criticità sui Ddi, si è ritenuto necessario, in coerenza con le strategie adottate anche da altre agenzie internazionali, fornire indicazioni che, in base alle sopra citate evidenze, suggerissero criteri di priorità per gli operatori a più elevato rischio professionale».

Quali dispositivi usare
Il documento indica quali sono i dispositivi di protezione (guanti, mascherine, camici o occhiali) nei principali contesti in cui si trovano gli operatori sanitari che entrano in contatto con i pazienti affetti da Covid-19 raccomandando l’uso delle mascherine con filtranti facciali (FFP2 e FFP3) in tutte le occasioni a rischio. Viene anche sottolineato che le indicazioni fornite devono trovare una declinazione a livello locale, tenendo conto anche dei contesti organizzativi ed assistenziali delle specifiche caratteristiche individuali di rischio degli operatori.

Per approfondire
Emergenza alimentare: scopri quanta parte dei 400 milioni per buoni spesa andrà nel tuo Comune

Decreto «Cura Italia»: dal voucher baby sitter ai bonus prima casa, ecco i chiarimenti ufficiali

Escorte galati

Rizolvere problemini di eiaculazione

What do you think?

5399 points
Upvote Downvote

Written by admin

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Coronavirus: in Italia oltre 100mila casi totali, ma i contagi rallentano e c’è il record di guariti: 1.590. I morti sono 11.591 (+7,5%)

Papa riceve Conte: la «vicinanza» della Chiesa all’Italia