in , , ,

Coronavirus: dalle quarantene ai test, ecco tutti gli obblighi imposti dalle regioni. Per i rientri da Grecia, Croazia, Malta e Spagna scatta il tampone

Coronavirus: dalle quarantene ai test, ecco tutti gli obblighi imposti dalle regioni. Per i rientri da Grecia, Croazia, Malta e Spagna scatta il tampone thumbnail

covidDivieto di ingresso e di transito dalla Colombia. Riprendono i controlli al Brennero. Toscana tampone gratis per chi torna dall’estero e registro delle presenza in discoteca. In Puglia quarantena per chi rientra da Malta, Spagna e Greciadi Nicoletta CottoneCoronavirus, Rt sopra 1 in 9 regioni: ecco tutti i datiDivieto di ingresso e di transito dalla Colombia. Riprendono i controlli al Brennero. Toscana tampone gratis per chi torna dall’estero e registro delle presenza in discoteca. In Puglia quarantena per chi rientra da Malta, Spagna e Grecia6′ di letturaIn discoteca? Chi vuole andare a ballare in Toscana deve lasciare un recapito. É una delle decisioni prese dai governatori per cercare di arginare i contagi creati dai vacanzieri di ritorno da mete estere. I presidenti delle regioni, allarmati dai contagi portati in Italia soprattutto dai giovani di ritorno da mete estere di vacanza, corrono ai ripari. Senza eccezioni, da Nord al Sud. Anche se l’Europa ha invitato tutti gli stati membri a non prendere singole decisioni di chiusura delle frontere interne, i governatori provano a inserire dei filtri per evitare che i casi, legati soprattutto ad asintomatici, si moltiplichino.L’ordinanza del 12 agosto del ministero della SaluteVisualizzaObbligo di tampone da Croazia, Grecia, Malta e SpagnaIl ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato un’ordinanza «che prevede test molecolare o antigenico, da effettuarsi con tampone, per chi arriva da Croazia, Grecia, Malta e Spagna». Inoltre la Colombia è stata aggiunta alla lista dei Paesi per cui è previsto divieto di ingresso e transito. Non sono escluse misure più restrittive se i dati di Grecia e Spagna dovessero peggiorare. Per ora non si parla di quarantena da quegli Stati, misura che invece è già in vigore per chi proviene dall’area extra Schenghen o da Romania e Bulgaria (ordinanza Speranza del 24 luglio). Su questo fronte ci sono disposizioni regionali che già impongono tamponi e, in alcuni casi, quarantene.Sulla stretta alle discoteche le regioni resistonoCon l’avvicinarsi di Ferragosto incontro fra governo e Regioni sulla stretta per contrastare il fenomeno degli assembramenti nei locali all’aperto dove non vengono rispettate le misure anti-Covid, a partire dal distanziamento. Almeno la metà dei governatori sarebbe però contrario a ulteriori provvedimenti. Insomma, finora non sarebbe stato trovato ancora alcun accordo. Si attende un nuovo incontro nella giornata del 13 agosto. Durante l’incontro il ministro Speranza ha letto un’informativa segnalando il problema delle discoteche e degli stabilimenti affollati durante questo tipo di eventi e avrebbe parlato della necessità di prendere ulteriori provvedimenti.Riprendono i controlli al BrenneroDal 13 agosto al Brennero riprendono i controlli sanitari per entrare in Austria. L’annuncio è arrivato dal governatore del Tirolo Günther Platter. Il 50% dei nuovi casi di coronavirus scoperti in Austria erano imputabili a persone che ritornavano da paesi a rischio, soprattutto dai Balcani. Così il ministero della Salute autriaco ha deciso di controllare non solo il confine con la Stiria e la Carinzia, ma anche il Brennero, per scoraggiare chi faceva chilometri in più per evitare il controllo. «La libertà di circolazione è un bene che va tutelato, ma la salute pubblica non può essere messa a repentaglio da chi aggira i controlli», ha detto Platter.In Emilia Romagna ordinanza superata dalla disposizione nazionaleEra in vigore dal 12 agosto in Emilia-Romagna l’obbligo di fare il tampone per chi rientrava dalle vacanze da Spagna, Grecia, Croazia e Malta. L’ordinanza regionale è però stata superata dall’ordinanza del ministro Speranza. «Si tratta di un provvedimento – ha spiegato l’assessore alla Salute Raffaele Donini riferendosi all’ordinanza di Speranza – che avrà le stesse caratteristiche che avevamo indicato nei nostri protocolli. Una scelta che abbiamo condiviso, assieme alle altre Regioni italiane, perché l’efficacia delle norme potrà essere maggiore se adottata su tutto il territorio nazionale».

What do you think?

193 points
Upvote Downvote

Written by admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Report: Milan d'accordo con Zlatan thumbnail

Report: Milan d'accordo con Zlatan

Nord della Sardegna sotto osservazione, ecco dove sono i focolai thumbnail

Nord della Sardegna sotto osservazione, ecco dove sono i focolai