in

Coronavirus, Briatore a casa di Santanchè per la quarantena dopo il ricovero: “14 giorni passano in fretta”

Coronavirus, Briatore a casa di Santanchè per la quarantena dopo il ricovero: “14 giorni passano in fretta” thumbnail

Coronavirus, Briatore da Santanché per isolamento. Ai cronisti dice: “Attenti che vi attacco tutto, non avvicinatevi”

MILANO. Flavio Briatore è stato dimesso dall’ospedale San Raffaele di Milano, dove era risultato positivo al coronavirus. L’imprenditore ha lasciato il nosocomio, dirigendosi verso casa dell’amica e socia Daniela Santanchè, dove passerà l’isolamento.  L’imprenditore, a quanto si apprende, ha lasciato l’ospedale a bordo di un mezzo privato, lontano dalla vista del gruppo di giornalisti e fotografi in attesa di fronte al padiglione solventi che lo ha ospitato in questi giorni. «14 giorni passano veloci», è il messaggio postato su Instagram Briatore, insieme a una fotografia dell’imprenditore con il figlio Nathan Falco. Briatore era stato ricoverato domenica Milano dopo essere risultato positivo al Covid-19: un focolaio del virus si è sviluppato proprio all’interno del Billionaire, il suo locale in Costa Smeralda. Numerosi i dipendenti e i clienti che sono entrati in contatto con il virus.

Coronavirus, Santanchè: “Flavio Briatore è stato ricoverato per un’infiammazione alla prostata”

L’imprenditore non sarà ovviamente sotto lo stesso tetto della Santanché, ma avrà a disposizione un’ala indipendente della grande abitazione milanese della senatrice di Fratelli d’Italia. Dovrà obbligatoriamente trattenersi a Milano per le regole di sicurezza sanitaria sul coronavirus che non gli consentono di rientrare nella sua residenza abituale di Montecarlo.

De Luca show: “Auguri a Briatore, che come dice lui si cura per una prostatite ai polmoni”

Alcune fonti specificano all’Adnkronos che gli stessi sanitari gli avrebbero consigliato di non allontanarsi dal San Raffaele.

Quando Briatore diceva: “I virologi ci tengono sotto scacco”

I perché dei nostri lettori


Mio padre e mia madre leggevano La Stampa, quando mi sono sposato io e mia moglie abbiamo sempre letto La Stampa, da quando son rimasto solo sono passato alla versione digitale. È un quotidiano liberale e moderato come lo sono io.

Mario

I perché dei nostri lettori


Perché mio papà la leggeva tutti i giorni. Perché a quattro anni mia mamma mi ha scoperto mentre leggevo a voce alta le parole sulla Stampa. Perché è un giornale internazionale.Perché ci trovo le notizie e i racconti della mia città.

Paola, (TO)

I perché dei nostri lettori


Leggo La Stampa da quasi 50 anni, e ne sono abbonato da 20. Pago le notizie perché non siano pagate da altri per me che cerco di capire il mondo attraverso opinioni autorevoli e informazioni complete e il più possibile obiettive. La carta stampata è un patrimonio democratico che va difeso e preservato.

Anonimo

I perché dei nostri lettori


Ho comprato per tutta la vita ogni giorno il giornale. Da due anni sono passato al digitale. Abito in un paesino nell’entroterra ligure: cosa di meglio, al mattino presto, di…. un caffè e La Stampa? La Stampa tutta, non solo i titoli….E, visto che qualcuno lavora per fornirmi questo servizio, trovo giusto pagare un abbonamento.

Sandro, Garlenda (SV)

Leggi tutto

What do you think?

193 points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Maltempo, le immagini tromba d’aria a Genova. In Liguria allerta arancione della Protezione civile thumbnail

Maltempo, le immagini tromba d’aria a Genova. In Liguria allerta arancione della Protezione civile

Ministero: al via la "chiamata veloce" per assunzione in ruolo docenti, possibile aderire fino al 2 settembre thumbnail

Ministero: al via la “chiamata veloce” per assunzione in ruolo docenti, possibile aderire fino al 2 settembre