in

Coronavirus, a Pasquetta droni e posti di blocco per stanare chi tenta di eludere i controlli



italia sorvegliata speciale

Sugli schermi della “Sala del Mondi connessi” della Direzione centrale anticrimine della Polizia di Stato scorrono le immagini dei controlli in atto, delle sale operative, degli elicotteri, dei droni

di Nicoletta Cottone

Coronavirus, a Roma controlli a tappeto

3′ di lettura

Sugli schermi della “Sala del Mondi connessi” della Direzione centrale anticrimine della Polizia di Stato scorrono le immagini dei controlli in atto, delle sale operative delle questure, degli elicotteri, dei droni, delle autovetture, dei tablet e degli smartphone degli agenti connessi. I controlli in atto, le targhe delle auto controllate. La parola d’ordine è controllare. Controllare che la voglia di una grigliata o il richiamo del mare non sia più forte dei divieti. Italia dunque sorvegliata speciale per l’emergenza coronavirus, con il Viminale che ha chiesto accertamenti rigorosi per vincere la lotta contro il coronavirus ed evitare che il weekend di Pasqua vanifichi gli sforzi del lockdown in vigore dal 9 marzo.

Collegamenti blindati e lunghe code per chi tenta di evadere
E allora strade di collegamento blindate, imponenti posti di blocco, elicotteri in azione. E droni in grado di scovare anche chi si nasconde nel bosco per una gita fuori porta improvvisata. Posti di blocco “anti-gite” che nella Capitale, per esempio sulla via Pontina, ma anche su altre consolari, hanno creato lunghe code. Ai posti di blocco le vetture sulle strade di uscita dalle grandi città vengono incanalate su una corsia per effettuare i controlli e verificare la motivazione dello spostamento e l’eventuale violazioni alle misure di contenimento per la diffusione del coronavirus.

Dalla Sala dei Mondi connessi si osservano le criticità
«Dalla sala di controllo della Polizia di Stato – spiega Vincenzo Nicolì, direttore controllo del territorio della Polizia di Stato – è possibile coordinare le attività che vengono effettuate su tutto il territorio nazionale, dalle telecamere sulle volanti, di verificare situazioni critiche con la possibilità di spostare equipaggi dove necessario. E da qui viene definita l’attività dei droni della Polizia di Stato, dotati di termocamere, usati generalmente per la protezione automatizzata dei siti tecnologici e dei punti critici, dalle centrali elettriche a quelle di telecomunicazione. E in questo periodo anche per i controlli legati all’emergenza Covid». Dagli schermi scorrono le immagini dei ponti di Venezia dove la sorveglianza è effettuata con i motoscafi, dei boschi baresi, controllati con i droni per evitare picnic ingiustificati, si osservano le pattuglie che efefttuano i controlli su strada.

Interventi per mantenere le distanze in coda
«La maggior parte degli cittadini è assolutamente rispettosa, ma circa il 10% dei controlli producono contestazioni amministrative o penale. Il numero può sembrare alto, ma è legato ai controlli specializzati che effettuiamo, grazie anche all’utilizzo di banche dati. Prima di Pasqua c’è stato un aumento degli spostamenti per acquistare generi alimentari. Il giorno prima di Pasqua siamo dovuti intervenire spesso per far rispettare le distanze nelle code ai supermercati. Quello che preoccupa sono le persone che vanno in giro senza motivo o, peggio ancora, dichiarando falsi motivi ».

I furbetti, dal travestimento da paramedico al ladro di auto al volante
Non sono mancati i casi eclatanti. «Un cittadino – racconta Nicolì – che si è travestito da paramedico, affermando di dover raggiungere una sede della Protezione civile dove avrebbe dovuto prestare la sua attività. Fatti gli accertamnenti al terminale, l’uomo è stato multato perchè girava per motivi non di necessità, ma è stato anche deferito all’autorità giudiziaria per le false dichiarazioni rilasciate. Molte le scuse “alimentari”, la ricerca di un prodotto introvabile che c’è solo in un paese vicino. Poi ci sono gli sportivi esagitati: abbiamo dovuto inseguire un podista che sentiva l’esigenza di correre in riva al mare. E poi le scuse di lavoro, che ai controlli si sono rivelate non veritiere». Insomma, i furbetti sono sempre in agguato. Addirittura a Mariglianella, in provincia di Napoli, un pregiudicato di 43 anni è stato pizzicato al volante di un’auto rubata e arrestato, oltre che per essere risultato fuori dalla propria abitazione senza giustificato motivo, anche per furto, ricettazione, resistenza a pubblico ufficiale e guida senza patente.

Escorte galati

Rizolvere problemini di eiaculazione

What do you think?

5399 points
Upvote Downvote

Written by admin

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Coronavirus, anche i medici-eroi hanno bisogno del pronto soccorso

Pasquetta lockdown: i tour virtuali dai musei alle oasi