in , , ,

Contagi in crescita in tutta l’Ue. Dal macello tedesco alla Catalogna, ecco i focolai d’Europa

Contagi in crescita in tutta l’Ue. Dal macello tedesco alla Catalogna, ecco i focolai d’Europa thumbnail
Cina, focolaio nello Xinjiang: Pechino ordina test di massa

L’allentamento delle misure di sicurezza e la riapertura ai viaggi anche al di fuori dell’area Schengen hanno causato una ripresa dell’offensiva del virus. In Romania 1.284 contagi in 24 ore

4′ di lettura

Un allentamento delle misure di sicurezza, la ripresa dei viaggi anche al di fuori dell’area Schengen e l’imminente stagione estiva. La ripresa dell’offensiva del Covid-19 si può ascrivere a vari elementi, mentre i virologi continuano a dividersi tra chi ritiene il virus meno aggressivo e chi sostiene che nulla è veramente cambiato rispetto ai mesi invernali e primaverili. Ecco come in Europa, dalla Germania alla Francia passando per la Spagna, ci si sta attrezzando per far fronte alla nuova ondata di infezioni, mentre la Romania si conferma tra i principali focolai del Vecchio Continente che ha superato la soglia di 3 milioni di casi, con una media di circa 20mila al giorno. I nuovi focolai preoccupano l’Oms che invita a non escludere il ripristino delle misure drastiche.

Allarme in Francia

Venerdì 24 luglio la Direzione generale della salute ha lanciato l’allarme per una diffusione coronavirus «a livelli paragonabili a quelli della fine del periodo del confinamento». Il numero di pazienti positivi al Covid-19 registra una tendenza al rialzo da tre settimane consecutive e in ventiquattrore si sono registrati 1.130 nuovi casi. L’area che desta maggiori preoccupazioni è quella al confine con la Spagna, colpita soprattutto in Catalogna da una nuova ondata di infezioni.

Durante un sopralluogo nello scalo parigino Roissy-Charles De Gaulle per fare il punto sui viaggi in tempi di coronavirus il premier francese Jean Castex (in carica dal 3 luglio) ha annunciato che i passeggeri provenienti da sedici Paesi a rischio coronavirus, le cui frontiere con la Francia sono attualmente chiuse, verranno sistematicamente testati al loro arrivo

A due mesi dalla fine del lockdown, la Francia teme una recrudescenza dell’epidemia. Lunedì 20 luglio il ministro della Salute, Olivier Véran aveva detto che i focolai recensiti sono «tra i 400 e i 500» e aveva aggiunto che «siamo ancora molto lontani da una seconda ondata» pur riconoscendo che ci sono «segni inquietanti di ripresa epidemica sul territorio nazionale».

In Germania il mattatoio-focolaio di Rheda-Wiedenbrück

I ministri della Salute dei Länder vogliono potenziare i test per il coronavirus per chi rientra dalle vacanze o arriva nel paese. Il numero di nuovi casi è aumentato in maniera più elevata da un mese. Secondo i dati della Johns Hopkins University, le infezioni segnalate sono aumentate di 742 a 205.623 nelle ultime 24 ore, rispetto ai 605 casi segnalati il giorno precedente.

What do you think?

193 points
Upvote Downvote

Written by admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Coronavirus, oggi in Italia 275 casi e 5 morti. In Lombardia zero decessi per il secondo giorno consecutivo thumbnail

Coronavirus, oggi in Italia 275 casi e 5 morti. In Lombardia zero decessi per il secondo giorno consecutivo

Lombardia, le cinque inchieste che mettono in crisi la giunta Fontana