in

Confindustria: slitta a 26 giugno elezione presidente Giovani


L’ASSOCIAZIONE DATORIALE

La sfida per individuare il nuovo leader degli industriali under 40 è tra il veneto Eugenio Calearo Ciman e il siciliano Riccardo Di Stefano

default onloading pic
(imagoeconomica)

1′ di lettura

Slitta al 26 giugno la data dell’elezione del nuovo presidente dei Giovani imprenditori di Confindustria. La sfida per individuare il nuovo leader degli industriali under 40 è, come già noto, tra il veneto Eugenio Calearo Ciman e il siciliano Riccardo Di Stefano.

L’emergenza Covid-19 modifica la corsa elettorale dei Giovani imprenditori di Confindustria. La proroga si rende necessaria a garantire la prima fase del voto, assicurando ai comitati regionali di candidare in condizioni di sicurezza e rispetto dei processi elettorali locali i membri del consiglio centrale entrante.

Il nuovo presidente verrà eletto con una votazione online e il passaggio di consegne con il vertice uscente avverrà non appena le regole sul distanziamento sociale negli uffici lo consentiranno. A tal proposito, il presidente dei Giovani imprenditori di Confindustria, Alessio Rossi, spiega: «Siamo tutti chiamati a modificare la nostra quotidianità e adeguarci alle regole che l’emergenza ci impone. Per questo – conclude Rossi – pur desiderando incontrarci per questo rito di passaggio, abbiamo adeguato i nostri meccanismi elettorali. Resta invece immutabile lo spirito di innovazione, osservazione e critica che da sempre accompagna noi Giovani Imprenditori e che, ora più che mai, metterà a disposizione del Paese».

Per approfondire:
Confindustria, Carlo Bonomi è il presidente designato
Bonomi: «lo Stato paghi i debiti della Pa». Patuanelli: «sono d’accordo, è fattibile»

Escorte galati

Rizolvere problemini di eiaculazione

What do you think?

5399 points
Upvote Downvote

Written by admin

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Comunicato sindacale – Il Sole 24 ORE

Patto di stabilità sospeso: finita l’emergenza sarà rivisto radicalmente