in

“Con lo smartworking Milano non conviene. Al Sud ho la famiglia e abbatto le spese”

“Con lo smartworking Milano non conviene. Al Sud ho la famiglia e abbatto le spese” thumbnail

Lavoro & Precari – 22 Agosto 2020

“Non sento la mancanza della metro, qui ho la mia famiglia”. Ilaria è una internal auditor che lavora per Operari, una società di consulenza milanese. Durante il lockdown ha lavorato in smart working vivendo da sola a Milano. Da fine maggio però, lo “smart working” si è trasformato in “south working” ed è potuta tornare nella sua regione d’origine, la Calabria grazie anche a un contributo per il viaggio offerto dalla sua azienda. Anche la sua collega Marta è tornata in Sicilia. Qui ha ritrovato gli affetti e anche il mare. “Può sembrare banale ma non lo è”. Il tutto si traduce in un aumento della “qualità della vita e del lavoro”. Entrambe fanno parte di quei lavoratori e studenti che, sfruttando le opportunità dello smartworking, sono tornati al sud durante il lockdown e ora ipotizzano di restarci se l’azienda glielo consentirà. Una visione condivisa anche da Saverio, financial advisor, per un gruppo bancario con sede a Milano. “Il vantaggio più grande è stato quello di ritrovare amici e parenti che per via della lontananza vedevamo sempre poco”. E poi c’è la questione economica. “Lavorare da casa permetterebbe di abbandonare le spese dell’affitto che equivalgono quasi alla metà stipendio” racconta Marta che però non ha lasciato la propria casa a Milano, perché a settembre tornerà a lavorare al Nord. Gli unici svantaggi? Per Ilaria “la difficoltà da junior di non potersi confrontare quotidianamente con i colleghi più esperti”. Gli altri servizi sono sostituiti dal “welfare familiare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro,
svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi
di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi,
interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico.
La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati.
Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci.
Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana,
fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie
Peter Gomez

GRAZIE PER AVER GIÀ LETTO XX ARTICOLI QUESTO MESE.
Ora però siamo noi ad aver bisogno di te.
Perché il nostro lavoro ha un costo.
Noi siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti ogni giorno.
Ma la pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre ricavi limitati.
Non in linea con il boom accessi a ilfattoquotidiano.it.
Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana.
Una piccola somma ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano! Diventa utente sostenitore!
Con riconoscenza
Peter Gomez

Articolo Precedente
Spostarsi al Sud per lavorare da remoto…e scegliere di restarci. E’ il “Southworking”, tra le incognite di settembre per l’economia delle città

Leggi tutto

What do you think?

193 points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Navalny è stato trasferito in Germania thumbnail

Navalny è stato trasferito in Germania

Covid, De Luca: «Pronto a chiudere la Campania» thumbnail

Covid, De Luca: «Pronto a chiudere la Campania»