in , , ,

Colf, badanti e baby sitter: rincari fino a 118 euro al mese per un milione di famiglie. Gli aumenti caso per caso

Colf, badanti e baby sitter: rincari fino a 118 euro al mese per un milione di famiglie. Gli aumenti caso per caso thumbnail

Serviziolavoro domestico Punto per punto ecco che cosa prevede l’accordo di settore per colf, babysitter e badanti. Più ore per la partecipazione a corsi di formazione in funzione del «patentino di qualità»di Valentina MelisCantiere fisco. Sindacati: 95% Irpef pesa su lavoroPunto per punto ecco che cosa prevede l’accordo di settore per colf, babysitter e badanti. Più ore per la partecipazione a corsi di formazione in funzione del «patentino di qualità»3′ di letturaAumentano i costi del personale domestico, soprattutto per chi ha una baby sitter che segue bambini sotto i sei anni e per chi ha un collaboratore che segue due persone anziane non autosufficienti. Per questi due profili, il rinnovo del contratto collettivo del settore, firmato l’8 settembre (e con decorrenza dal 1° ottobre), porta in dote una nuova indennità, che si aggiunge alla retribuzione, di 115,76 euro al mese per le baby sitter di bambini under 6 e di 100 euro al mese per le badanti di livello «C Super» e «D Super» che curano più di una persona non autosufficiente. Questi aumenti ad hoc scattano da ottobre.Da gennaio 2021 si applicheranno, poi, gli aumenti retributivi stabiliti in generale con il rinnovo del Ccnl: per i lavoratori conviventi inquadrati al livello «B Super», l’aumento è di 12 euro al mese, da riparametrare per gli altri livelli. Raddoppiano i contributi alla Cassa Colf (da 0,03 euro l’ora a 0,06 euro, per due terzi a carico del datore e per un terzo a carico del lavoratore), mentre bisognerà attendere il 2021 per l’aggiornamento dei contributi Inps.LE PRINCIPALI NOVITÀLoading…Tutti questi cambiamenti possono determinare rincari che vanno da 10 a 118 euro mensili, che si applicano agli 848.987 lavoratori domestici regolari censiti dall’Inps e ai 176.848 in fase di regolarizzazione con la sanatoria prevista dal decreto Rilancio. Si stima che un altro milione di lavoratori domestici continui a restare nel “nero”.Il bilancio per le famiglieQual è la differenza tra il costo dello stesso lavoratore oggi e quello a gennaio 2021? Per una baby sitter inquadrata al livello «B super» che segue un bambino di quattro anni e oggi ha una paga oraria di 6,13 euro, il costo passa da 900 euro mensili a oltre mille euro. L’unico correttivo al meccanismo della indennità aggiuntiva è che il nuovo importo «è assorbibile da eventuali superminimi individuali di miglior favore percepiti dal lavoratore» (articolo 34 del nuovo contratto collettivo). In pratica, se la famiglia versa già al lavoratore una paga oraria superiore ai minimi previsti dal Ccnl, e questo “superminimo” vale già 116 euro in più al mese rispetto alla paga base, per la famiglia cambia meno: scattano solo i 12 euro di aumento retributivo e i 2,6 euro di aumento dei contributi alla Cassa Colf (che comunque fanno oltre 180 euro all’anno).Ma mentre in alcune zone del Paese, come il Nord Est e il Nord Ovest, è frequente che la paga oraria dei lavoratori domestici sia superiore ai minimi stabiliti dal Ccnl, non vale lo stesso al Centro e nel Sud Italia, dove le paghe sono più allineate ai minimi.

What do you think?

193 points
Upvote Downvote

Written by admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Superbonus 110%, le tre “bollinature” dei tecnici per ottenere la detrazione thumbnail

Superbonus 110%, le tre “bollinature” dei tecnici per ottenere la detrazione

Crescono gli asset illiquidi, ecco come investire senza scottarsi thumbnail

Crescono gli asset illiquidi, ecco come investire senza scottarsi