in

“Cocktail di droghe”, muore il figlio 25enne dello scrittore Gerardo Ventrella

“Cocktail di droghe”, muore il figlio 25enne dello scrittore Gerardo Ventrella thumbnail

Una morte sospetta, su cui stanno indagando gli inquirenti. Il figlio dello scrittore Gerardo Ventrella il giovane di 25 anni è deceduto la notte scorsa per un sospetto cocktail di droghe a Lido di Camaiore, in Versilia, episodio per il quale anche il padre è ricoverato in gravi condizioni in ospedale. Da quanto si sa il ragazzo – Samuele – era partito dal capoluogo piemontese per raggiungere il padre 54enne la località in provincia di Lucca. Entrambi si sono sentiti male attorno alle 23,30 di ieri (1 agosto) e in via don Minzoni, nella cittadina toscana, è arrivata un’ambulanza del 118. Quando i paramedici sono arrivati, il 25enne era in arresto cardiaco. Dopo un primo tentativo di rianimazione, Ventrella jr. è stato trasportato d’urgenza all’Opa di Massa, dove purtroppo è deceduto. Il padre è stato portato all’ospedale Versilia, anche lui in gravi condizioni.

Proprio nel suo libro dal titolo “Il mio quartiere”, pubblicato da Feltrinelli nel 2007, affrontava con un linguaggio tagliente e crudo proprio il tema della tossicodipendenza, con l’intento di lanciare un messaggio di speranza e allo stesso tempo un monito al figlio e a tutti i giovani in generale che hanno problemi con le droghe. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri della compagnia di Viareggio, che stanno cercando di ricostruire le ultime ore di padre e figlio anche per cercare di risalire al presunto spacciatore che potrebbe averli riforniti della droga.
Leggi tutto

What do you think?

193 points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Coronavirus Italia, bollettino: nuovi contagi in calo (239), ma crollo tamponi. Due navi in isolamento thumbnail

Coronavirus Italia, bollettino: nuovi contagi in calo (239), ma crollo tamponi. Due navi in isolamento

Influencerin Gottes: Pfarrerin Theresa Brückner nutzt das Smartphone als Kirche thumbnail

Influencerin Gottes: Pfarrerin Theresa Brückner nutzt das Smartphone als Kirche