in

Caso Regeni, ecco i documenti di Giulio consegnati dagli egiziani agli inquirenti italiani



IL RICERCATORE UCCISO 

Mossa del Cairo a pochi giorni dall’incontro in videoconferenza tra la procura di Roma e quella egiziana. Si tratta del passaporto e di due tessere universitarie

Regeni, Conte: ho chiesto all’Egitto progressi rapidi e concreti

Mossa del Cairo a pochi giorni dall’incontro in videoconferenza tra la procura di Roma e quella egiziana. Si tratta del passaporto e di due tessere universitarie

3′ di lettura

Un primissimo passo che, come hanno sottolineato Claudio e Paola Regeni, i genitori del dottorando italiano dell’Università di Cambridge ucciso in Egitto quattro anni fa, non è sufficiente. Serve una risposta esaustiva da parte delle autorità del Cairo a tutte quelle domande previste nella rogatoria inviata dalla Procura di Roma nell’aprile del 2019 che ad oggi non hanno ricevuto una risposta.

I documenti di Giulio, il passaporto e due tessere universitarie, sono stati consegnati nelle scorse ore dalle autorità egiziane agli inquirenti italiani insieme a una serie di oggetti che, secondo gli investigatori egiziani, appartenevano al ricercatore sequestrato e ucciso al Cairo nel 2016. Gli oggetti furono sequestrati alla banda di presunti killer, 5 criminali comuni uccisi in Egitto il 24 marzo di quattro anni fa.

Mossa a pochi giorni dall’incontro tra le procure di Roma e del Cairo

Da anni, con grandi difficoltà, gli inquirenti italiani stanno cercando la verità sulla tragica morte del giovane friulano. Il via libera delle autorità egiziane alla consegna dei documenti e degli oggetti appartenuti a Giulio è scattato a pochi giorni dall’incontro tra le procure di Roma e del Cairo che è si terrà il prossimo prossimo primo luglio in videoconferenza. Ed è giunto a una decina di giorni dal via libera del Consiglio dei ministri alla vendita di due fregate Fremm all’EgittoIl materiale giunto dall’Egitto è quello di cui fu trovato in possesso la banda di cinque “criminali comuni” uccisi nella capitale egiziana il 24 marzo di quattro anni fa. I cinque furono fatti passare dalle autorità locali come gli autori dell’omicidio di Regeni, in quello che per gli investigatori italiani è stato, invece, un tentativo di depistaggio.

I documenti e gli oggetti in mano agli inquirenti italiani

Un mossa per avvalorare altri moventi dietro l’omicidio, anche quello legato a una rapina finita male o al movente sessuale. Gli oggetti arrivati in Italia sono quelli mostrati in alcune foto dopo il blitz ai danni dei cinque malviventi: il passaporto di Giulio, le tessere di riconoscimento dell’università di Cambridge e dell’università americana del Cairo. E ancora: un marsupio rosso con lo scudetto dell’Italia, alcuni occhiali da sole (di cui due modelli da donna), un cellulare, un pezzo di hashish, un orologio, un bancomat e due borselli neri di cui uno con la scritta Love.

La perizia sulle foto

In passato i genitori di Giulio, assisti dall’avvocato Alessandra Ballerini, hanno compiuto una perizia sulle foto da cui è emerso che solo i documenti di riconoscimento sono del ricercatore mentre l’altro materiale, come ad esempio gli occhiali da donna e la droga, è stata ritenuta forse funzionale ad avvalorare false piste per insabbiare la verità e depistare le indagini. Non è escluso che i genitori di Giulio Regeni vengano convocati a breve per effettuare un nuovo riconoscimento degli oggetti giunti dal Cairo nelle scorse ore.

Escorte galati

Rizolvere problemini di eiaculazione

What do you think?

178 points
Upvote Downvote

Written by admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Coronavirus-italia-news-ultime-notizie-aggiornamenti-20-giugno

Gdf: nel bilancio 2019 sequestri per 1 mld e 9mila evasori totali ”pizzicati”