in , , ,

Borse incerte alla vigilia della Fed. A Piazza Affari vola Ubi con l’opas “allungata”

Borse incerte alla vigilia della Fed. A Piazza Affari vola Ubi con l'opas "allungata" thumbnail

(Afp) Gli indici azionari europei chiudono in ordine sparso. Milano, arrivata a perdere oltre l’1%, termina le contrattazioni a -0,59%. Frena l’euro nei confronti del dollaro, si stabilizza l’oro, acquisti sui titoli governativi5′ di letturaSono le trimestrali il “faro” delle Borse europee che, alla vigilia delle indicazioni della Federal Reserve su politica monetaria e misure di stimolo all’economia Usa, chiudono la seduta del 28 luglio in ordine sparso. La giornata -mentre Wall Street è sottotono – è stata caratterizzata dalla scarsa propensione al rischio in attesa della conclusione del meeting del comitato di politica monetaria della banca centrale americana: contrastate le piazze azionarie, in risalita i titoli governativi (il rendimento del Bund 10 anni tornato a -0,5% dopo due mesi, mentre quello del BTp è calato leggermente all’1,01%), in flessione il petrolio ma, per una volta, l’oro si è stabilizzato dopo aver toccato quota 2000mila dollari all’oncia nel contratto future. Se Madrid e Londra hanno chiuso in rialzo, Parigi e Francoforte hanno accusato un lieve calo: in discesa Milano, arrivata a perdere anche oltre un punto percentuale, e poi capace di chiudere a -0,59% grazie all’exploit di Ubi, al supporto delle trimestrali per Campari(+5,4%) e Italgas(+3,2%) e alla buona performance di Fiat Chrysler(+2,2%) in scia alle conferme di Psa sui tempi del progetto di aggregazione.Usa, la Fed allunga fino a dicembre i prestiti d’emergenzaLa banca centrale americana ha intanto deciso di estendere fino a tutto il 2020 i prestiti di emergenza introdotti per arginare le ricadute dell’emergenza sanitaria sull’economia.Gli strumenti sarebbero scaduti il 30 settembre. L’estensione di tre mesi “faciliterà la pianificazione per chi usufruisce degli strumenti di credito e dà la certezza che i prestiti continueranno a essere disponibili per aiutare l’economia a riprendersi dalla pandemia di Covid-19”, si legge in una nota della Banca centrale americana, in cui si sottolinea che i prestiti “hanno fornito un supporto cruciale, stabilizzando e migliorando in modo significativo il funzionamento del mercato e sostenendo il credito alle famiglie, alle aziende e alle amministrazioni statali e locali”. Ciascuno strumento, ricorda la Fed, era stato creato nell’ambito del Federal Reserve Act, con l’approvazione del segretario al Tesoro americano. L’estensione si applica a tutta una serie di prestiti e linee di credito alle singole persone, alle istituzioni pubbliche e alle aziende.Sono attese anche dal Congresso americano nuove misure di stimolo, annunciate dal leader della maggioranza Repubblicana al Senato Mitch McConnell, con l’estensione dei sussidi alla disoccupazione ma a 200 dollari a settimana a settembre e non più 600.Wall Street, focus sui conti mentre scende fiducia consumatoriIntanto Wall Street resta negativa con l’attenzione posta sulle trimestrali, ma anche sulla fiducia dei consumatori americani scesa a luglio secondo il Conference Board. Sul fronte dei conti, il gruppo farmaceutico Pfizer ha presentato i suoi risultati, riportando profitti per 3,4 miliardi di dollari superando le attese degli analisti. Il mercato ha valutato positivamente la fase 3 di sperimentazione del potenziale vaccino contro il Covid che sarà somministrato a 30mila volontari. La catena di fast food McDonald’s ha visto gli utili del secondo trimestre mancare le previsioni,con una perdita del 30% dei ricavi a causa della chiusura forzata dei suoi ristoranti in tutto il mondo per il Covid. Il gigante del fast food ha messo a segno un utile netto di 483,8 milioni di dollari, 65 centesimi per azione, in calo del 68% dagli 1,516 miliardi, 1,97 dollari per azione dello stesso periodo dell’anno scorso. La compagnia aerea JetBlue ha segnalato una perdita trimestrale più ampia del previsto, come tutte le altre compagnie aeree che hanno visto il crollo delle richieste di viaggio.Exploit Kodak, maxi prestito dal Governo Usa da 765mlnIl titolo di Eastman Kodak, un tempo leader nel settore delle pellicole fotografiche e attualmente attivo sul fronte delle pellicole cinematografiche e apparecchiature per immagini e per la stampa, triplica il proprio valore a Wall Street, sulla scia dell’imminente arrivo di un maxi prestito da 765 milioni di dollari da parte del Governo. La notizia è stata anticipata dal Wall Street Journal e confermata, durante un’intervista, da Peter Navarro, consigliere per il commercio della Casa Bianca. Il prestito, erogato dalla International Development Finance Corporation (agenzia federale con caratteristiche simili a una banca), è il primo di questo tipo concesso nell’ambito del Defense Production Act, legge federale varata negli anni Cinquanta in risposta alla guerra di Corea e “rispolverata” dal presidente Trump durante l’emergenza Covid-19

What do you think?

192 points
Upvote Downvote

Written by admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Stato di emergenza: premier Conte in Senato thumbnail

Stato di emergenza: premier Conte in Senato

Banchi e sicurezza, la scuola è a rischio caos