in

Biciclette, vacanze, famiglia, casa, lavoro: ecco da quando si potranno chiedere i bonus



Contributo a fondo perduto

Artigiani, commercianti e coltivatori diretti che a marzo hanno ricevuto il bonus da 600 lo avranno in automatico anche per il mese di aprile, mentre per maggio possono fare richiesta del contributo a fondo perduto introdotto dal decreto rilancio per i soggetti esercenti attività d’impresa, di lavoro autonomo e di reddito agrario titolari di partita Iva e con redditi o compensi non superiori a 5 milioni di euro nel periodo di imposta antecedente al 19 maggio. Il contributo, in questo caso, è gestito dall’agenzia delle Entrate, e varia dal 10 al 20% del fatturato perso in relazione ai ricavi o compensi dell’anno di imposta precedente: 20% con ricavi fino a 400mila euro; 15% se oltre 400mila e fino a un milione; 10% oltre un milione e fino a cinque. In ogni caso non può comunque essere inferiore a mille euro per le persone fisiche e a duemila euro per gli altri. Il contributo – in base alle dichiarazioni del ministro Gualieri – potrà essere chiesto a giugno.

Colf, badanti e baby sitter

Con l’entrata in vigore del decreto Rilancio debutta l’indennità da 500 euro per aprile e maggio per colf , baby sitter e badanti che al 23 febbraio avevano uno o più contratti per almeno 10 ore settimanali complessive e non conviventi presso il datore di lavoro. Il canale per l’invio delle domande all’Inps dovrebbe essere attivato da subito. Per il momento però si resta in attesa di una circolare dell’Inps con le istruzioni per presentare la domanda. «L’Inps pagherà le indennità in un’unica soluzione – spiega Andrea Zini, vice presidente Assindatcolf, Associazione nazionale dei datori di lavoro domestico, componente Fidaldo -. Il contributo sarà riconosciuto anche nel caso in cui il domestico abbia continuato a lavorare, abbia fruito di un periodo di ferie, di un permesso non retribuito o di una sospensione extraferiale. Le modalità operative per la presentazione delle richieste e per la fruizione del contributo saranno specificate con un altro provvedimento».

Bonus baby sitter

Da oggi 20 maggio, come ha assicurato il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri, dovrebbe essere possibile fare domanda per i 1.200 euro per il bonus per la baby sitter che possono essere utilizzati anche per pagare i centri estivi che riapriranno a partire dal 15 giugno.

Reddito di emergenza

Per il reddito di emergenza il decreto Rilancio stabilisce che le domande per il sussidio tra i 400 e gli 800 euro vadano presentate entro giugno.
La domanda andrà inoltrata all’Inps – anche attraverso Caf e patronati – utilizzando il modulo che verrà pubblicato dall’Inps. Anche in questo caso si attende una circolare con le istruzioni da parte dell’Istituto di previdenza.

Bonus biciclette, ebike e monopattini elettrici

L’incentivo per la mobilità “sostenibile” arriva a un massimo di 500 euro e copre fino al 60% dell’acquisto di biciclette, ebike, monopattini elettrici. Per avere lo sconto bisognerà aspettare l’appicazione web del ministero dell’ambiente (operativa entro 60 giorni dall’entrata in vigore del decreto Rilancio, quindi entro la metà di luglio). Va conservata la fattura e alternativamente al rimborso si potrà chiedere un buono spesa digitale .

Escorte galati

Rizolvere problemini di eiaculazione

What do you think?

191 points
Upvote Downvote

Written by admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rifugiati in Italia, il Centro Astalli: con Covid-19 innalzati nuovi muri, a farne le spese i più deboli

Coronavirus: ecco come è stata preservata l’economia circolare degli oli usati