in

Berlusconi positivo, Zangrillo: “Condizioni stabili: cauto ma ragionevole ottimismo”

Berlusconi positivo, Zangrillo: “Condizioni stabili: cauto ma ragionevole ottimismo” thumbnail

L’ex premier, che compirà 84 anni il prossimo 29 settembre, si trova ora ricoverato all’ospedale San Raffaele per ragioni di cautela legate all’età e a “patologie pregresse”

di F. Q. | 5 Settembre 2020

Ore 19 – iscriviti alla newsletter e
ricevi gli ultimi aggiornamenti nella tua casella.

“Il quadro clinico induce a un cauto ma ragionevole ottimismo“. Così il professor Alberto Zangrillo in una nota informa sulle condizioni cliniche di Silvio Berlusconi ricoverato all’Ospedale San Raffaele di Milano perché positivo al Covid. Le sue condizioni al momento “permangono stabili”, mentre il “quadro respiratorio” conferma un decorso della malattia “regolare e atteso“.
L’ex premier, che compirà 84 anni il prossimo 29 settembre, ha scoperto di essere positivo il 2 settembre, dopo essersi sottoposto a un tampone “già programmato” per la sua permanenza in Sardegna. Inizialmente è rimasto a casa, poi è stato ricoverato in ragione dell’età e di alcune patologie pregresse come il diabete, dopo che la sua situazione si era leggermente aggravata. La cronologia degli eventi è stata spiegata ieri da Zangrillo, responsabile dell’Unità operativa di Terapia intensiva generale e cardiovascolare dell’Irccs Ospedale San Raffaele di Milano. La decisione è maturata tra le 22 di giovedì e la mezzanotte successiva, nonostante – riporta il Corriere della Sera – l’ex premier si sentisse sicuro di poter rientrare a Villa San Martino, la sua residenza di Arcore dove era stato isolato dopo la positività al tampone. Anche il viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri, è intervenuto sulla salute di Berlusconi questa mattina a Coffe Break su La 7: “Ho sentito il dottor Zangrillo: spero e immagino che le cose andranno bene“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro,
svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi
di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi,
interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico.
La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati.
Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci.
Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana,
fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie
Peter Gomez

GRAZIE PER AVER GIÀ LETTO XX ARTICOLI QUESTO MESE.
Ora però siamo noi ad aver bisogno di te.
Perché il nostro lavoro ha un costo.
Noi siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti ogni giorno.
Ma la pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre ricavi limitati.
Non in linea con il boom accessi a ilfattoquotidiano.it.
Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana.
Una piccola somma ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano! Diventa utente sostenitore!
Con riconoscenza
Peter Gomez

Articolo Precedente
No Mask, a Roma negazionisti del Covid ed estrema destra. Speranza: “Vedere una piazza di negazionisti mi fa rabbrividire”

Articolo Successivo
Ritrovato il corpo di una donna nei boschi di Varese. Nella notte l’allarme per la scomparsa

Leggi tutto

What do you think?

193 points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Giuseppe Conte risponde alle domande sul futuro dell'Italia: cosa dobbiamo aspettarci thumbnail

Giuseppe Conte risponde alle domande sul futuro dell’Italia: cosa dobbiamo aspettarci

Luca Bizzarri (con la mascherina) alla manifestazione dei negazionisti thumbnail

Luca Bizzarri (con la mascherina) alla manifestazione dei negazionisti