in

Batterio killer, Zaia: “L’infezione si trascina da mesi, l’ospedale intervenga”

Batterio killer, Zaia: "L'infezione si trascina da mesi, l'ospedale intervenga" thumbnail

02 settembre 2020 16: 03

Secondo giorno di protesta della mamma di una delle bimbe uccise dal Citrobacter, tra le prime a denunciare il caso

Zaia: “Iniziative concrete” – In merito al batterio che ha colpito la neonatologia di Verona, il governatore ha auspicato che il dirigente prenda decisioni “anche verso gli attori della vicenda” precisando che “ogni iniziativa deve arrivare dall’Azienda, non sono dipendenti diretti della Regione. Noi abbiamo chiesto che si intervenga. Le famiglie hanno diritto ad avere giustizia”. 

Nella sua lettera inviata al direttore generale Sanità regionale, Domenico Mantoan, il presidente invita a “effettuare tutte le verifiche necessarie a individuare eventuali responsabilità dei collaboratori e ad assumere tutti i provvedimenti urgenti consentiti dall’ordinamento, anche in via cautelare”. 

Avanti a oltranza la protesta della mamma – Continua intanto a oltranza, davanti all’Ospedale della donna e del bambino, la protesta di Francesca Frezza, la mamma di una delle bambine morte proprio a causa del Citrobacter nel 2019. Era stata lei la prima a denunciare i casi d’infezione nel più importante punto nascite del Veneto, dove avvengono più di 3mila parti all’anno, e che è stato riaperto il primo settembre dopo due mesi e mezzo di stop per debellare proprio quel batterio-killer. “Mi chiedo – ha detto la Frezza – perché si sono attesi due anni prima di chiudere. Si sarebbero evitate morti e oggi mia figlia sarebbe qui con me”. 

Leggi tutto

What do you think?

193 points
Upvote Downvote

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Coronavirus: focolaio con 24 positivi a Trento thumbnail

Coronavirus: focolaio con 24 positivi a Trento

Sindacati, errori punteggi GPS. Ministero, 40mila domande con anomalie già escluse. Pretestuoso parlare di caos thumbnail

Sindacati, errori punteggi GPS. Ministero, 40mila domande con anomalie già escluse. Pretestuoso parlare di caos