in ,

6 pratici consigli che ci aiutano a scegliere i migliori semi per il nostro l’orto


Non lascia spazio a discussioni il fatto che la cura dell’orto sia uno dei più popolari passatempi condiviso dagli abitanti del Bel Paese. Parliamo infatti di un hobby rilassante che regala tante soddisfazioni, oltre ad essere anche un ottimo metodo per risparmiare. Se si vuole però ottenere un orto eccezionale, ricco e sano bisognerà tener conto di alcuni semplici accorgimenti. Fondamentali anche per chi si trova solo agli inizi.

Ecco allora 6 pratici consigli che ci aiutano a scegliere i migliori semi per il nostro l’orto.

Smartwatch

Semi biologici

Nell’individuare i nostri semi scegliamo sempre, se possibile, semi di origine biologica e certificata. Questi sono facilmente reperibili online presso i siti appositi e nei negozi di alimentazione BIO.

Sementi con una storia

Molto importante è anche scegliere semi frutto di libera impollinazione che abbiano alle spalle almeno 50 anni di storia. Se possibile, inoltre, concentrarsi su varietà locali e già acclimatate nel territorio. Queste possono essere recuperate tramite amici e conoscenti, oppure chiedendo ad un vivaio, presso l’università o ancora presso centri di ricerca appositi.

6 pratici consigli che ci aiutano a scegliere i migliori semi per il nostro l’orto. Leggere sempre le etichette

Attraverso le informazioni scritte sulle bustine di semi otterremo dati preziosissimi. Come ad esempio la provenienza, quali trattamenti e prodotti chimici hanno subito, ma anche consigli su come coltivarli e sulle particolari caratteristiche di ogni varietà.

Confrontarsi continuamente

Non sempre si potranno, però, ottenere tutte le informazioni importanti dalle bustine di semi. Se possibile è sempre meglio confrontarsi e chiedere consiglio a qualche agricoltore della zona o su internet. Mai sottovalutare infatti il valore dell’esperienza.

Capire le sigle

Sigle come F1 o F2 indicano varianti di semi ibridi prodotti da multinazionali, queste sono più costose e tendono a non fornire molti semi per l’anno avvenire. Queste particolari sementi infatti mantengono le stesse caratteristiche delle piante madri in termini di produzione e riproduzione.

Il metodo di conservazione

Infine l’ultimo dei 6 pratici consigli che ci aiutano a scegliere i migliori semi per il nostro orto è quello di controllare sempre il metodo di conservazione. Sebbene siano in una fase simile al letargo i semi sono organismi viventi e hanno quindi bisogno di essere riparati da luce, alte temperature e umidità. Una volta scelti e comprati andranno poi conservati in bustine di carta e riposti all’interno di contenitori ermetici, possibilmente in vetro o in metallo.

Escorte galati

Servizi seo

What do you think?

193 points
Upvote Downvote

Written by admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

BTP a tassi bassi, ma non in Cina

Pane e pizza in pochissimo tempo, come accelerare la lievitazione dell’impasto