in , ,

2 trucchi fai da te per recuperare piccoli oggetti caduti nello scarico del lavandino


Torniamo a casa, andiamo a lavarci le mani, ci togliamo gli anelli e in una frazione di secondo inizia l’incubo. Quante volte è capitato che per un momento di distrazione ci sia caduto qualcosa nello scarico del lavandino? Oggetti di piccola taglia come orecchini o anelli subiscono spesso questo destino. E a quel punto entriamo in panico perché già sappiamo che sarà quasi impossibile riuscire a recuperarli. Certe volte però un po’ di inventiva può dare soluzioni pratiche e semplici per affrontare ogni problema. Abbiamo infatti trovato 2 trucchi fai da te per recuperare piccoli oggetti caduti nello scarico del lavandino.

Le cannucce servono anche a questo

Se gli oggetti che abbiamo perso sono dei metalli la prima cosa che pensiamo è che ci servirebbe un magnete. Ma come possiamo farlo arrivare fino in fondo allo scarico se non riusciamo a farci entrare le mani? A questo proposito ci viene in aiuto un oggetto comune, basta infatti avere una cannuccia. Andiamo per ordine. Serve infatti una calamita di piccola taglia, meglio se circolare e dalla circonferenza di misura simile alla cannuccia. Poniamo il magnete su uno dei due lati della cannuccia e fissiamolo con dello scotch.

Adesso avremo realizzato una prolunga per la nostra calamita che potrà attrarre gli oggetti caduti. Se la lunghezza della cannuccia non fosse sufficiente, non bisogna preoccuparsi. Basta prenderne un’altra, fare un piccolo taglio sui bordi per permetterle di incastrarla nell’altra. Abbiamo così raddoppiato le dimensioni.

Il fil di ferro

Per il secondo dei 2 trucchi fai da te per recuperare piccoli oggetti caduti nello scarico del lavandino ci occorre del fil di ferro. Certo magari non abbiamo metri di questo materiale in casa. Ma possiamo sempre sacrificare una stampella di metallo per risolvere questo problema. In base poi alla forma dell’oggetto, ne ricaveremo due tipi di strumenti. Possiamo infatti srotolare o tagliare la stampella per ottenere un filo di ferro dritto. Di questo poi ne piegheremo un’estremità per ottenerne un amo. La forma deve essere adatta per riuscire a prendere l’oggetto che abbiamo perso. Se non si ha abbastanza forza per piegarlo, si può usare una pinza. Oppure possiamo tagliare in due la stampella con delle tronchesi, per avere due fili. Potremmo usare questi ultimi come le braccia di una pinza e recuperare i nostri oggetti come si faceva una volta con l’Allegro Chirurgo.

Escorte galati

Servizi seo

What do you think?

193 points
Upvote Downvote

Written by admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Se la mascherina ha questa caratteristica, allora non serve a niente

Cosa può fare il proprietario se l’inquilino non paga l’affitto?