in

Scuola, l’Ismu: più della metà degli alunni italiani si iscrive a un liceo (51,8%), contro poco più di un terzo degli stranieri di seconda generazione


ACCESSO ALL’ISTRUZIONE

Il confronto sulle scelte:a parità di livello di “performance”, sono gli studenti italiani quelli che si vedono raccomandare molto più spesso dagli insegnanti un percorso liceale

di Andrea Carli

default onloading pic
(foto Ansa)

Il confronto sulle scelte:a parità di livello di “performance”, sono gli studenti italiani quelli che si vedono raccomandare molto più spesso dagli insegnanti un percorso liceale

4′ di lettura

Più della metà degli alunni italiani sceglie di iscriversi a un liceo (51,8%), contro poco più di un terzo degli studenti stranieri di seconda generazione (34,9%) e meno di un quarto di quelli di prima generazione (24,4%). A scattare la fotografia delle scelte scolastiche degli alunni di origine immigrata al termine del primo ciclo di istruzione è la Fondazione Ismu nel nuovo rapporto nazionale “Alunni con background migratorio in Italia. Le opportunità oltre gli ostacoli”. Le elaborazioni sono state effettuate su un database di dati amministrativi relativi a un campione nazionale.

«Il quadro attuale, se prendiamo in considerazione l’arco temporale in cui si è manifestata una crescita degli alunni stranieri nella scuola, è comunque migliorato – sottolinea Mariagrazia Santagati, responsabile scientifico Settore Educazione Fondazione Ismu e curatrice del rapporto -. In un decennio la presenza di stranieri nella scuola è passata dal 21 al 29 per cento. È diminuita negli istituti professionali, e rimasta costante in quelli tecnici, che tuttavia sono tuttora al primo posto, davanti a professionali e licei».

L’influenza del background migratorio

A questo punto la domanda alla quale l’indagine cerca di rispondere è: come si spiegano differenze di scelte così marcate tra alunni italiani e stranieri? Queste differenze, spiega il rapporto, trovano spiegazione non solo nei livelli di apprendimento inferiori ai nativi con cui gli alunni di origine immigrata concludono la terza media, ma anche in altri fattori dovuti al background migratorio degli studenti. La scelta post licenza media sembra essere un momento nel quale le origini non italiane degli studenti, anche di quelli che si distinguono per buone performance, incidono sulla riproduzione delle disuguaglianze educative.

Gli alunni stranieri scelgono meno i licei rispetto a quelli italiani

Ponendo infatti in relazione i punteggi ottenuti nei test Invalsi di matematica e le iscrizioni ai licei, emerge che tra gli studenti con i migliori risultati, il tasso di iscrizione al liceo è di poco superiore al 70% per gli italiani, contro il quasi 40% per gli studenti stranieri di prima generazione. Anche guardando all’analisi degli iscritti al liceo in base al voto finale di licenza media e alla cittadinanza i risultati trovano conferma, emerge infatti che, anche se promossi con buoni voti alle medie, gli alunni stranieri scelgono meno i licei rispetto a quelli italiani.

L’influenza degli insegnanti

Il terzo elemento che infine può avere un ruolo nelle scelte dei ragazzi è il consiglio orientativo degli insegnanti: dall’analisi emerge che, a parità di livello di performance, sono gli studenti italiani quelli che si vedono raccomandare molto più spesso un percorso liceale (il gruppo dei più penalizzati nel confronto con gli italiani è quello degli studenti maschi stranieri più brillanti nei test). Infine, anche quando gli insegnanti raccomandano il percorso liceale agli alunni stranieri, sono proprio questi a seguire meno il suggerimento degli insegnanti: i dati mostrano che circa l’89% degli italiani va al liceo quando questo è il suggerimento ricevuto, contro il 73% degli stranieri di prima generazione. «Gli alunni con background migratorio – osserva Santagati – incontrano sì difficoltà, ma anche opportunità: esistono storie positive. di minori stranieri non accompagnati che ce l’hanno fatta».

Escorte galati

Rizolvere problemini di eiaculazione

What do you think?

193 points
Upvote Downvote

Written by admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pompeo, ho chiesto a Conte di fare attenzione sul 5G

Coronavirus, ultime notizie. In Italia 1.851 casi su 105.564 tamponi e 19 decessi