in

Inail: 43mile le denunce di contagio per Covid-19, 171 i morti


lavoro

La metà dei decessi sono concentrati nel personale sanitario e assistenziale

default onloading pic
(AFP)

La metà dei decessi sono concentrati nel personale sanitario e assistenziale

1′ di lettura

Sono oltre 43.000 le denunce di infortunio sul lavoro arrivate all’Inail fino al 15 maggio per contagio da Covid -19. Lo rileva l’Istituto spiegando che sono 171 quelle da infortunio mortale, la metà dei quali concentrati nel personale sanitario e assistenziale. Le denunce di contagio complessive tra fine febbraio e il 15 maggio sono 43.399, seimila in più rispetto al dato del 4 maggio. I casi di infezione con esito mortale registrati nello stesso periodo sono 42 in più rispetto al monitoraggio precedente.

Nei casi fatali uomini più colpiti
L’età media dei lavoratori che hanno contratto il virus è di 47 anni per entrambi i sessi, ma sale a 59 anni (58 per le donne e 59 per gli uomini) per i casi mortali. Nove decessi su 10, in particolare, sono concentrati nelle fasce di età 50-64 anni (70,8%) e over 64 anni (19,3%). Il 71,7% dei lavoratori contagiati sono donne e il 28,3% uomini, ma il rapporto tra i generi si inverte nei casi mortali. I decessi degli uomini, infatti, sono pari all’82,5% del totale.

Nel territorio prevale il Nord-Ovest
L’analisi territoriale conferma il primato negativo del Nord-Ovest, con oltre la metà delle denunce complessive (55,2%) e il 57,9% dei casi mortali. Tra le regioni, invece il 34,9% delle denunce di contagio e il 43,9% di quelle di decesso sono avvenuti in Lombardia.

Per approfondire:

Tregua fiscale per imprese e cittadini, più spazio alla cassa integrazione e via libera ai bonus



Rizolvere problemini di eiaculazione

What do you think?

56 points
Upvote Downvote

Written by admin

Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Brusaferro: «Curva in calo, crescono gli asintomatici. L’Rt non è una pagella»

Dai bonus alla distanza sociale, le nuove regole per la ripartenza in dieci domande