in

Il turismo in bicicletta perde la tappa delle case cantoniere



viaggiare lento

Il progetto di riconversione ha debuttato nel 2015 ma delle 28 cantoniere individuate ne sono state assegnate solo due. Il cantiere delle dieci ciclovie nazionali

di Antonello Cherchi

In Valtellina anello di 140 km per cicloturismo finanziato con i fondi Ue

Il progetto di riconversione ha debuttato nel 2015 ma delle 28 cantoniere individuate ne sono state assegnate solo due. Il cantiere delle dieci ciclovie nazionali

3′ di lettura

L’Italia va su due ruote. E non solo perché, concluso il Tour, si aspetta il Giro o per il successo dell’incentivo all’acquisto di bici. C’è anche dell’altro: visitare il Belpaese pedalando, all’insegna del turismo lento e sostenibile. I progetti ci sono, anche se talvolta fanno fatica. Ci sono i 300mila euro del ministero dei Beni culturali per progetti di bike touring, la rete delle case cantoniere (ma solo due assegnate), il sistema nazionale delle ciclovie con 361 milioni da spendere.

La tappa più ravvicinata è quella dei progetti innovativi per il turismo ciclistico: ne verranno finanziati 10 con 30mila euro ciascuno. L’idea è dei Beni culturali, che ha affidato la gestione dell’iniziativa a Invitalia. Le proposte dovranno arrivare entro il 7 ottobre.

Il piano del turismo sostenibile
È solo l’ultimo tassello di un progetto sul viaggiare sostenibile che ha trovato spazio nel Piano strategico del turismo 2017-2022, ma che aveva preso le mosse ancora prima. Non sempre con i risultati attesi.

Prendiamo il caso delle cantoniere: la prospettiva era di rendere funzionali a chi si muove a piedi o in bici quelle inutilizzate dall’Anas e situate in luoghi di attrattività turistica. Tra le riconversioni possibili, anche l’allestimento di officine per i ciclisti. Il progetto debutta nel dicembre 2015, ma ad oggi delle 28 cantoniere individuate ne sono state assegnate solo due: una a Dervio (Lecco), che aspetta il cambio di destinazione d’uso per diventare una struttura turistico-ricettiva, e un’altra a Fiames, vicino Cortina, dove si è chiusa la progettazione esecutiva e si attende il bando per ricavare circa 18 posti letto, una zona ristorazione e, nel fabbricato annesso, anche un ricovero per bici. I lavori di ristrutturazione sono – così prevedeva il progetto pilota del 2015 – a carico di Anas, che poi affida gli immobili con una concessione di servizi per dieci anni (non rinnovabili), dietro pagamento di un canone.

Formula da ripensare
Ci si è, però, resi conto che quella formula non funziona e così Anas ha appena fatto partire un’indagine di mercato per verificare le soluzioni più adeguate per portare avanti il progetto e anche per raccogliere proposte di riqualificazione di 24 case cantoniere, sempre in chiave turistica. Le manifestazioni d’interesse dovranno arrivare entro il 30 ottobre.

Escorte galati

Rizolvere problemini di eiaculazione

What do you think?

193 points
Upvote Downvote

Written by admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Clima, l’Italia sempre più calda si avvia al nuovo anno record

Infinite Design Apk Mod v3.4.19 Sblocca tutto • Android • Real Apk Mod