in , ,

Il segreto per non far restringere i capi durante l’asciugatura


Il lancio sul mercato di asciugatrici e lavasciuga ha certamente semplificato la vita di molti. Ad essere estremamente ridotti, sono state proprio le tempistiche richieste dagli stessi. Se, abitualmente, per l’asciugatura completa di un capo è richiesta qualche ora, con questi innovativi strumenti possono bastare anche meno di 30 minuti. Gli elettrodomestici più moderni, poi, sono addirittura in grado di calcolare in perfetta autonomia i tempi di asciugatura.

Tutto grazie a potenti e altrettanto precisi algoritmi, che effettuano tale calcolo sulla base del peso e della tipologia di bucato. Spesso capita, tuttavia, di trovare i capi spiacevolmente ristretti dopo un ciclo completo. Vediamo quindi il segreto per non far restringere i capi durante l’asciugatura.

Un piccolo trucco a prova di asciugatrice

Se il problema è trovare jeans, magliette e accappatoi più corti o stretti dopo l’asciugatura, il rimedio è semplice ed esiste. In commercio esistono delle palline di lana, appositamente ideate per scongiurare tale problema. Le palline di lana possono acquistarsi praticamente ovunque e saranno una vera e propria scoperta. La loro funzione è, dapprima, quella di separare i capi per evitare tristi inconvenienti, poi, quella di assorbire l’umidità e risparmiare sulla bolletta.

Ognuno avrà ben chiaro quanto costa un lavaggio e quanto un ciclo di asciugatura. Nel primo caso si parla di circa soli 30 centesimi di euro; nel secondo di ben 90 centesimi. Se poi, dopo il costo non irrisorio, si aggiunge la perdita di un capo pregiato, i problemi raddoppiano. Le palline di lane ci corrono in soccorso. La loro funzione principale è proprio quella di evitare tale inconveniente. Non stupisca, poi, che le stesse potranno essere realizzate anche comodamente a casa.

Perché i capi si restringono durante l’asciugatura

Ora che si è visto il segreto per non far restringere i capi durante l’asciugatura, bisogna capire perché questo accade. Molto spesso si tratta di errori di distrazione, come il non aver controllato l’etichetta del capo che indica se esso è adatto all’asciugatura robotizzata. Altre volte, il programma selezionato sull’asciugatrice non è il più adatto per quella tipologia di tessuto.

Messe in atto queste accortezze, basterà inserire circa tre palline di lana per ogni chilo e mezzo di bucato. Le palline di lana sono riutilizzabili; sarà sufficiente riporle all’aria aperta per farle asciugare. Le stesse, poi, conferiranno anche un bellissimo odore di pulito al proprio bucato.

Escorte galati

Servizi seo

What do you think?

193 points
Upvote Downvote

Written by admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inutile fare i furbi per ottenere i ristori a fondo perduto

1.226 nuovi posti per diplomati e laureati all’Agenzia delle Dogane, scadenza a breve