in ,

Come aumentare la pensione, non tutti lo sanno


È possibile aumentare la pensione con una semplice verifica. Il nostro sistema burocratico è complesso e articolato e molte cose a volte non si conoscono. Ecco una breve guida con sette passi da compiere che permette di verificare se si ha diritto a trattamenti integrativi, maggiorazioni e non solo, che permettono di aumentare l’assegno pensionistico.

Come aumentare la pensione, non tutti lo sanno: ecco 7 semplici passi

L’INPS in una guida ha racchiuso in sette passi le cose da verificare per poter aumentare l’assegno pensionistico.

Smartwatch

Il primo passo da fare è controllare il cedolino pensione e analizzare le voce che la compongono. Il più delle volte grava sulla pensione una ritenuta che non tutti conoscono, abbiamo trattato qui come eliminarla e in questo modo aumentare l’assegno pensione mensile.

Il secondo passo da verificare e se si ha diritto a trattamenti integrativi in base al reddito. Ad esempio, maggiorazioni sociali,  integrazione al minimo, quattordicesima.

Il terzo passo riguarda la dichiarare reddituale (RED). La dichiarazione bisogna presentarla ogni anno. L’Agenzia delle Entrate effettua annualmente la rilevazione dei redditi dei pensionati per verificare le prestazioni spettanti.

Il quarto passo da fare è controllare se si ha diritto a detrazioni fiscali per trattamenti di famiglia. Si ricorda che si considera il familiare a carico fiscalmente se il reddito personale annuo non supera i 2.480,51. Se il familiare ha un’età inferiore a 25 anni il reddito lordo annuo da considerare non deve superare i 4mila euro.

Con le detrazioni l’importo dell’assegno aumenta, quindi, è importante effettuare questa verifica

Il quinto passo  è quello di verificare se si ha diritto, in base all’ISEE, alla pensione di cittadinanza. Possono accedere a questa misura i pensionati che hanno 67 anni e i requisiti patrimoniali e reddituali richiesti dalla normativa vigente.

Il sesto passo e verificare se si ha diritto alla pensione supplementare. Questa misura si ottiene se il pensionato ha continuato a lavorare dopo la pensione versando contributi nella Gestione separata o nell’AGO.

Come aumentare la pensione, non tutti lo sanno che i pensionati residenti all’estero possono chiedere una convenzione per evitare la doppia imposizione fiscale. Questo è il settimo passo e riguarda coloro che vivono in paesi che hanno stipulato convenzioni con l’Italia contro la doppia imposizione fiscale. Bisogna controllare i requisiti richiesti dall’INPS.

Escorte galati

Servizi seo

What do you think?

193 points
Upvote Downvote

Written by admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pensioni INPS in anticipo per chi soffre di disturbi alla tiroide

Idea furba da copiare per conservare il basilico molto più a lungo